Mercoledì, 25 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Telefonata Draghi Putin, i meme impazzano sui social: ecco i più divertenti

I meme sono diventati cruciali nella comunicazione della guerra tra Ucraina e Russia

31 Marzo 2022

La telefonata tra Draghi e Putin è già storia sui social. Impazzano i meme che prendono in giro il premier italiano alleggerendo un momento molto teso per la politica internazionale. "Presidente, parliamo di pace". E' iniziato così il discorso che il presidente del Consiglio Mario Draghi ha intavolato con il presidente russo Vladimir Putin per rinnovargli, in viva voce, l'appello a fermare al più presto le armi per lasciare davvero il posto alla diplomazia e avvicinare la fine della guerra. Il contatto tra i due è durato circa un'ora e l'argomento principale è stato chiaramente il nodo gas e rublo. 

Telefonata Draghi Putin: ecco come è andata

A Palazzo Chigi hanno preparato con cura il contatto con il Cremlino. L'ultimo risale a quasi due mesi fa, quando la crisi era in atto ma nessuno, nelle cancellerie occidentali, pensava che davvero Mosca avrebbe sferrato un attacco militare all'Ucraina. Ora ce ne saranno altri, forse già la prossima settimana, perché da entrambe le parti si è concordato sulla opportunità di mantenersi in contatto.

Sembra restare sullo sfondo, anche se vale miliardi, la questione del gas: Putin, si limita a dire Palazzo Chigi, "ha descritto il sistema dei pagamenti del gas russo in rubli". A Mosca, è la lettura europea, il sistema delle sanzioni inizierebbe a pesare. Tanto che anche in una conversazione con il cancelliere tedesco Olaf Scholz, Putin avrebbe assicurato intanto che i pagamenti potranno continuare per il momento ancora in euro. E che in ogni caso che il passaggio alla moneta russa non sarebbe "peggiorativo" dei contratti sottoscritti dai clienti europei. Draghi sul punto avrebbe ascoltato senza replicare, ma la posizione italiana e degli alleati, era emersa con chiarezza già nei vertici della scorsa settimana a Bruxelles. Una richiesta di saldare in rubli sarebbe "illegale", una "violazione" dei contratti respinta con forza da Ue e G7.
 

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x