Giovedì, 29 Settembre 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Carlo Capè, Bip: "Energia, indipendenza dai paesi a rischio nel breve periodo: puntare su idrogeno come vettore logistico"

Carlo Capè, Ceo di Bip: "La logistica è la chiave: l'idrogeno si può trasportare e usare come fonte energetica". L'intervista a Il Giornale d'Italia

23 Settembre 2022

Carlo Capè, Ceo di Bip, in occasione de "Il Verde e il Blu Festival", ha affermato a Il Giornale d'Italia: 

"Siamo molto contenti di essere diventati organizzatori di questo Festival in un momento in cui il tema del verde e del blu, che esiste già da tanti anni, sta diventando il primo tema sia dell’Europa che del resto del mondo. Oggi noi abbiamo parlato del breve periodo, dove abbiamo capito che la maggior parte dei consumi a livello nazionale sono ancora nel settore domestico. È necessario il nostro sforzo nel ridurre l’acqua e il riscaldamento, tutto questo dipende dal gas.  Questa è uno sforzo che dobbiamo fare come famiglie e impegno sociale, per non costringere il governo a bloccare le aziende, con ordine di merito. Dobbiamo essere molto responsabili. Un’altra cosa che emerge, per il breve periodo, ovvero tre anni, faremo grossi passi avanti nell’indipendenza dai paesi a rischio, in particolare dalla Russia. Ma questo non potrà bastarci perché oggi il gas arriva da tanti paesi e nessuno da garanzie di fornitura perenne. Dobbiamo avere un sistema resiliente, basato su diverse tecnologie, il gas sarà la tecnologia di transizione ma dovremo tentare molto sulle rinnovabili, snellendo i processi di autorizzazione, ma soprattutto su batterie che rendono le rinnovabili molto più stabili.

Oggi ci sono degli studi molto avanzati sulle batterie, che possono far rinunciare al litio o altri materiali che ci costringerebbero ad essere dipendenti verso i paesi asiatici. Soprattutto sull’idrogeno, oggi e in futuro potrebbe essere un ottimo vettore logistico: la logistica è la chiave. Ricordiamo che in Russia sono andati in crisi per la logistica all’inizio della guerra. Mettere la logistica vuol dire spostare l’energia dal punto in cui la produciamo al punto in cui la consumiamo senza bisogno di una rete, perché l’idrogeno è un vettore, si può trasportare, riconvertirlo in energia e usarlo come fonte energetica. Quindi, siamo di fronte ad una vastità di scelte, dobbiamo cercare di organizzare collaborando: il verde e il blu, un think tank dove tutti si ritrovano e mettono le proprie idee, facendo partire nuove agende per i nostri politi e cercando di disegnare il futuro".

Torna all'articolo 

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti