Domenica, 26 Settembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Il Verde e il blu Festival, Boero (Iren): “La politica deve svolgere un ruolo di facilitatore a livello autorizzativo”

IL Presidente di Iren spiega a Il Giornale d'Italia i nuovi progetti della società

10 Settembre 2021

“Molte utility italiane sono in grado di investire circa 50 miliardi- afferma a Il Giornale d’Italia Renato Boero, Presidente Iren - quindi una potenza di fuoco che si articola in tutti i servizi che noi offriamo ai cittadini. Iren è una società leader nel nord-ovest di Italia su tutti i servizi pubblici, sull’igiene urbana quindi trattamento e trasformazione dei rifiuti prodotti, materie prime e seconde. Un ruolo importante quello dell’acqua che sta diventando un fenomeno sempre più rapido nelle precipitazioni e quindi ci vogliono sistemi di accumulo, sistemi moderni di tracciamento delle perdite che aiutano a sviluppare gli investimenti. Tema importante i termovalorizzatori noi abbiamo tre impianti eccellenti best practice europee dovremmo realizzarne degli altri soprattutto al sud dove le discariche la fanno da padrona e visto che nell’arco di qualche anno saranno in esaurimento dovremmo sforzarci di fare programmazione e di trovare strumenti rapidi per avviare appalti in tempi ragionevoli. Più o meno come è successo per il Ponte di Genova è stato un ottimo esempio di efficacia e rispetto dei tempi”.

“La politica deve svolgere un ruolo di facilitatore quindi a livello autorizzativo è impensabile che ci possano essere sei anni come tempi quindi è necessario ridurre i tempi di autorizzazione, semplificare le procedure, questo non vuole dire liberi tutti impianti solari dappertutto, ma regole semplici che devono essere rispettate e devono arrivare risposte in tempi rapidi altrimenti non riusciremo mai a utilizzare queste somme messe a disposizione all’Italia. L’innovazione e noi abbiamo una divisione che si occupa esclusivamente di innovazione è uno sguardo sul futuro che ci permette di sviluppare business di start up che abbiamo coinvolto, supportato e nelle quali abbiamo anche investito. Uno di queste è sul recupero della gommapiuma dei materassi, sembra una banalità, ma in realtà occupano volumi enormi e le discariche spesso non li vogliono accettare, gli impianti di incenerimento lo stesso, sono sistemi di recupero dei materiali. Un’altra start up importante è Enerbrain che si occupa di efficientamento energetico in modo strumentale efficace e con pochi costi, che consente di risparmiare il 25-30% sui costi energetici senza grossi costi di investimento.”

Torna all'articolo

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti