Lunedì, 18 Ottobre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Alitalia, oggi l'ultimo volo dopo 74 anni di storia: il messaggio delle hostess

Cala il sipario su Alitalia, questa sera l'ultimo volo: VIDEO

14 Ottobre 2021

Oggi, giovedì 14 ottobre, è un giorno storico per Alitalia: questa sera, infatti, ci sarà l'ultimo volo dopo 74 anni di storia. La hostess del volo Roma-Cagliari, sempre nella mattinata di giovedì, ha detto rilasciato, a nome delle suo colleghe, un ultimo messaggio, che suona toccante. "Grazie per aver volato ed essere stati sempre con noi", ha detto la hostess di Alitalia.

Alitalia, oggi l'ultimo volo: il messaggio delle hostess

Intanto proseguono le proteste: una decina di lavoratori di Alitalia ha mostrato striscioni con scritto "Resistenza" e "Vergogna". Con loro c'erano anche i figli, bambini trra i 5 e gli 11 anni. I manifestanti hanno cantato, per alcuni minuti, slogan come "Dignità, lavoro" e "Noi siamo Alitalia". Non si sono fatti attendere gli applausi dei colleghi dall'esterno del terminal dove è in corso il presidio ed anche da diversi passeggeri.

Alitalia, dal 2000 buco nero conti: perdite per 11 miliardi

Un buco da 11 miliardi. A tanto ammontano le perdite cumulate da Alitalia negli ultimi 20 anni. Due decenni in cui l'ex compagnia di bandiera ha corso verso il baratro inanellando un risultato negativo dietro l'altro, a parte un'unica eccezione di utile nell'esercizio 2002, grazie però a partite straordinarie per la vendita delle azioni a Klm. E, infatti, per vedere la bottom line del conto economico con un risultato netto positivo bisogna riandare alle fine degli '90, con la gestione di Domenico Cempella, quando l'alleanza strategica con gli olandesi volanti marciava a pieno ritmo.

Per Alitalia, il millennio si apre con perdite per 256 milioni nell'anno del clamoroso divorzio da Klm. La situazione peggiora nel 2001 quando sul trasporto aereo si abbatte lo tsunami scatenato dall'attacco alle Twin Towers. Il passivo supera i 900 milioni. Una boccata d'ossigeno nel 2002 con un utile da 93 milioni per poi imboccare di nuovo la discesa inarrestabile.

Nel 2003 i conti ritornano in profondo rosso (-512), peggiorano ancora nel 2004 (-844). Nel 2005, c'è un recupero e la perdita è contenuta a soli 168 milioni per poi tornare a lievitare nel 2006, e poi scendere nel 2007 a 495 milioni. Nel 2008 la compagnia viene commissariata e, dopo il nulla di fatto nella vendita ad Air France-Klm, scende in campo la cordata tutta italiana dei 'capitani coraggiosi'. La compagnia parte senza il fardello dei debiti, 3 miliardi che rimangono a carico della collettività, e con l'obiettivo di un break even e ritorno all'utile nell'arco di piano.

Nel 2009, le perdite si attestano a 327 milioni per poi calare fino a 69 milioni nel 2011. Ma nel 2012 si inverte la tendenza e di nuovo il passivo si allarga per toccare quota 580 nel 2014, anno in cui dalla penisola arabica arriva il cavaliere bianco Etihad che entra nella compagnia con il 49% (non può andare oltre essendo un vettore extracomunitario).

Ma anche il piano industriale orchestrato sotto la regia di Abu Dhabi non porta il rilancio annunciato. Anzi. Di nuovo il rosso torna a crescere con perdite di 408 milioni e di 496 nel 2016. Alitalia Sai arriva al capolinea e il 2 maggio del 2017 viene commissariata. Altri 4 anni in picchiata che portano l'aviolinea in amministrazione straordinaria a un passo dal fermo operativo. Nel 2020, del trasporto aereo la perdita è di 484 milioni, in miglioramento rispetto di 135 milioni rispetto al 2019.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti