Sabato, 29 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Gino Strada, in camera ardente centinaia di persone. Il VIDEO

L'urna con le ceneri del chirurgo è conservata nella sede di Emergency fino a lunedì 23 agosto

21 Agosto 2021

È aperta a partire da oggi, sabato 21 agosto dalle ore 16, la camera ardente di Gino Strada. Il fondatore di Emergency è morto il 13 agosto a 73 anni, tra lo stupore e l'amarezza dell'opinione pubblica. Già dalle 14, due ore prima dell’arrivo dell’urna con le ceneri alla sede dell'Ong in via Santa Croce, in zona Ticinese, almeno 300 persone si erano già messe in fila in attesa dell'apertura. Sulla sede di Emergency campeggia la scritta "Grazie Gino", mentre all'interno della camera ardente si legge una sua citazione: "I diritti degli uomini devono essere i diritti di tutti gli uomini, proprio di tutti, sennò si chiamano privilegi". La camera ardente resterà aperta fino a lunedì 23 agosto.

Gino Strada, in camera ardente centinaia di persone. Il VIDEO

Sono tante le persone che hanno lasciato fiori e biglietti in ricordo del chirurgo di guerra e fondatore di una delle Ong più attive al mondo. Tra i gli omaggi affissi al cancello della sede di Emergency si legge: "Ora vai, Gino, continuiamo noi", "Grazie per quello che lasci, resta straordinario come te", "Hai salvato così tante vite che vivrai per sempre".

Tra i primi ad arrivare a Casa Emergency c’è stato il sindaco di Milano, Giuseppe Sala. Il primo cittadino è giunto alla camera ardente "nella duplice veste di sindaco e di amico", come si è definito. Arrivato a Casa Emergency prima che aprisse la camera ardente del fondatore, Sala ha raccontato di avere "tanti ricordi di momenti vissuti assieme" al fondatore di Emergency.

"Di Gino, ha raccontato il sindaco, apprezzavo quello che ha fatto, ma secondo me aveva una caratteristica particolare: conoscendo molta gente importante, che ha fatto cose, che ha avuto vite significative, lui non parlava mai al passato, non sentiva mai il bisogno di dire 'ho fatto', 'ho detto', ma guardava sempre avanti, guardava al futuro e in questo era veramente straordinario e unico". E poi: "Credo che sia importante dedicargli qualcosa che rimanga, ma anche un momento di ricordo, come credo abbia voluto lui. Un momento anche allegro, anche vivo". "Ho sentito la moglie e la presidente di Emergency in questi giorni, ma abbiamo deciso di pensare a questa giornata", ha concluso Sala.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti