Venerdì, 30 Luglio 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Europei 2021, Italia e Spagna: i calciatori si inginocchiano per la Carrà?

Raffaella Carrà è stata omaggiata da tutti, anche dai giornali sportivi e dagli atleti: E anche gli Azzurri potrebbero inginocchiarsi per lei prima della partita contro la Spagna

06 Luglio 2021

Europei 2021, Italia e Spagna: i calciatori si inginocchiano per la Carrà?

Fonte: lapresse.it

Oggi, martedì 6 luglio, alle ore 21, si terrà la semifinale degli Europei 2021 tra Italia e Spagna: i calciatori si inginocchiano per Raffaella Carrà? La cantante, scomparsa nella giornata di lunedì 5 luglio, oltre che in patria, era amatissima anche in Spagna. Per questo è possibile che i calciatori di entrambe le nazioni, in seguito anche alle polemiche delle ultimi settimane, potrebbero inginocchiarsi in segno di omaggio nei suoi confronti. 

Europei 2021, Italia e Spagna: i calciatori si inginocchiano per la Carrà?

La questione non è nuova. Prima della partita contro il Galles, solo metà degli azzurri si erano inginocchiati "contro il razzismo" e per solidarietà nei confronti del Black Lives Matter. Chi aveva scelto di non inginocchiarsi, lo aveva fatto perché aveva ritenuto "ipocrita" il gesto e che la "politica non debba entrare nello sport". Inoltre il fatto di mettersi in ginocchio era stato visto da alcuni calciatori, come del resto da molti tifosi, come un "segno di debolezza", un segno di "sottomissione". Dunque era esplosa la polemica, alimentata anche dai nostri politici. Da una parte c'era, infatti, il segretario del Pd Enrico Letta, che voleva gli atleti in ginocchio prima della partita, e dall'altra c'era il segretario della Lega Matteo Salvini, che al contrario voleva i calciatori "liberi di scegliere".

Prima della partita contro l'Austria, valevole per gli ottavi, gli Azzurri avevano dunque scelto di non inginocchiarsi. Tempo pochi giorni, però, e, complici nuove polemiche, i calciatori hanno scelto di inginocchiarsi prima della partita contro il Belgio. Questo per "solidarietà dei colleghi belgi", che, come è noto, hanno origini anche africane. Ora il nuovo capitolo della vicenda, con le due nazionali che potrebbero genuflettersi, oltre che per aderire al movimento Black Lives Matter, anche e soprattutto per omaggiare la grande Raffaella Carrà. Tuttavia nulla è ancora certo. Per il momento è quasi sicuro che la nazionale allenata da Roberto Mancini scenderà in campo con il lutto al braccio.

Da Ddl Zan a Ddl Carrà: la proposta per cambiare nome impazza sul web

Intanto, e come se non bastasse, sul web impazza un'altra proposta: cambiare il nome del disegno di legge da Ddl Zan a Ddl Carrà. Raffaella è stata infatti da sempre un'icona nella battaglia per i diritti Lgbtq e ora i sostenitori del Ddl Zan lanciano l'idea. Una proposta, così come è stata enunciata, che sicuramente può apparire - e a ragione - molto strumentale. 

L'idea porta la firma dello sceneggiatore Enrico Cibelli, che su Twitter interviene nel dibattito politico in corso sul disegno di legge e scrive: "Direi di chiamarlo Ddl Carrà, approvarlo e fine del discorso". L'idea di Cibelli è stata, in brevissimo tempo, ripresa e retwittata da molte persone, tra cui anche noti personaggi dello spettacolo. Tra i tanti commenti spunta quello di Ermal Meta, il quale si dice "totalmente d’accordo" con Cibelli. Insomma, l'ennesimo tentativo di far passare la proposta di legge grazie a like e a "belle parole", non certo per il suo contenuto.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x