Lunedì, 24 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Green pass obbligatorio, per il Consiglio Stato il certificato è "legittimo e non viola privacy"

Nessun pregiudizio della riservatezza sanitaria, confermata la decisione del Tar sul tema

17 Settembre 2021

Green pass obbligatorio, per il Consiglio Stato il certificato è "legittimo e non viola privacy"

Fonte: lapresse.it

Il Green pass obbligatorio per lavoratori e sanitari è "legittimo" e non viola la privacy sui dati, o ha stabilito il Consiglio di Stato, pronunciandosi in sede cautelare, ribadendo la validità e l’efficacia delle disposizioni attuative (dpcm del 17 giugno 2021) del sistema incentrato sulla certificazione verde Covid-19 (Green pass). Il Consiglio, confermando la decisione del Tar Lazio n. 4281/2021, ha respinto la prospettazione di 4 cittadini non vaccinati secondo i quali il meccanismo di contenimento dell’epidemia comporterebbe un pregiudizio della riservatezza sanitaria.

Green pass obbligatorio è "legittimo e non viola privacy"

La decisione cautelare ha rilevato che, in ogni caso, non essendo stata dimostrata l’attualità del pregiudizio lamentato dai ricorrenti, restando salva la libera autodeterminazione dei cittadini che scelgono di non vaccinarsi, risulta prevalente l’interesse pubblico all’attuazione delle misure disposte attraverso l’impiego del Green pass, anche considerando la sua finalità di progressiva ripresa delle attività economiche e sociali. In ogni caso, in sede di merito, il Tar potrà approfondire le questioni relative alla disciplina europea in materia di dati sanitari.

Il decreto che amplia l'obbligo di green pass è stato approvato all'unanimità in Consiglio dei ministri nella serata di giovedì 16 settembre: il Green pass diventa dunque obbligatorio per tutti i lavoratori (pubblici e privati): dove, da quanto e regole da seguire. A partire dal 15 ottobre l'Italia non sarà più una Repubblica fondata sul Lavoro ma una "Repubblica" fondata sul Green pass. Nessuno sarà escluso dalla norma: tutti i 23 milioni di lavoratori del settore pubblico e privato saranno obbligati a mostrare il certificato verde. La pena la sospensione dal lavoro, senza stipendio. Anche se qui c'è qualche differenza: da subito per i lavoratori privati, dopo 5 giorni per i lavoratori pubblici.

 

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x