Martedì, 04 Ottobre 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Toti, Brugnaro, Cesa e Lupi presentano la lista 'Noi moderati': "Riequilibrare la coalizione di centrodestra"

Giovanni Toti: "Questa lista unitaria è un passo importante e giocherà ruolo importante nella campagna elettorale e nella vita del Paese"

11 Agosto 2022

Toti, Brugnaro, Cesa e Lupi presentano la lista 'Noi moderati': "Riequilibrare la coalizione di centrodestra"

fonte: Instagram @giovannitoti

Oggi, venerdì 11 agosto 2022, intorno alle ore 14, presso la sala stampa della Camera, i leader di Noi con l’Italia, Maurizio Lupi; di Coraggio Italia, Luigi Brugnaro; dell’Udc, Lorenzo Cesa; e di Italia al Centro, Giovanni Toti, hanno presentato la lista e il simbolo di "Noi moderati" a sostegno della coalizione del centrodestra alle prossime elezioni politiche del 25 settembre 2022. "Questa lista unitaria è un passo importante e giocherà ruolo importante nella campagna elettorale e nella vita del paese", ha detto Toti.

Toti, Brugnaro, Cesa e Lupi presentano la lista 'Noi moderati': "Riequilibrare la coalizione di centrodestra"

"Ci presentiamo con qualcosa che avrà un futuro. Noi le cose che diciamo che si possano fare per l'Italia le abbiamo già fatte. Nasce una 'forza tranquilla'", ha continuato Giovanni Toti, che ha preso poi in prestito uno slogan di Mitterand. "Che vuol dire forza moderata nei toni ma determinata".

"Noi non ci presentiamo per riequilibrare al centro la coalizione, non dobbiamo essere un contrappeso ma un alleato leale del centrodestra", ha sostenuto invece il presidente Noi con l'Italia Maurizio Lupi durante la conferenza stampa di presentazione della lista unitaria dei centristi del centrodestra Noi moderati, che raggruppa Nci-Iac e Udc-Ci.

"Nel 2008, quando il centrodestra andò al Governo - ha aggiunto Lupi - il pilastro moderato prendeva il 39%. 14 milioni di italiani diedero un voto a quella proposta politica. Oggi un pezzo di quegli elettori, l'abbiamo perso, o si astiene. Noi dobbiamo dare una casa, una scelta agli elettori italiani", ha continuato.

"Questa è una opportunità enorme che vogliamo dare, basta divisioni, basta protagonismi, si fa fatica a stare insieme ma è segnale che diamo agli elettori. Vorrei ringraziare anche Giorgia Meloni che, rispetto a questa nostra storia, non solo ci ha dato credito, ma ha capito che senza Noi moderati il centrodestra sarebbe stato più povero", ha concluso infine.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x