Sabato, 27 Febbraio 2021

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Covid Italia, Arcuri genio incompreso: molti poteri, ma pochi risultati

Dopo il Premier Draghi, oggi, invece, la persona più popolare d’Italia, nel senso che tutto il popolo la conosce, è Domenico Arcuri, detto Mimmo.

Di Pierfranco Faletti

20 Febbraio 2021

Vaccino Covid, Arcuri: "Aziende trattano Paesi come poveracci"

Fonte: lapresse.it

Pochi conoscevano il suo nome, quando fu nominato Commissario per l’emergenza pandemica. In Italia era nota soltanto una sola Arcuri: è donna, è bellissima, si chiama Manuela e non si occupa di banchi a rotelle. Dopo il Premier Draghi, oggi, invece, la persona più popolare d’Italia, nel senso che tutto il popolo la conosce, è Domenico Arcuri, detto Mimmo.

C’è chi lo esalta come un Superman, a cominciare da chi lo ha nominato, c’è chi lo denigra, come corresponsabile del fatto che l’Italia sia ai vertici nel numero di decessi per COVID-19, rispetto al numero dei suoi abitanti. È certo che, dopo un anno di malattia, il paese non ha sostanzialmente migliorato la struttura complessiva del suo sistema sanitario, soprattutto in riferimento al COVID.

Ad Arcuri alcuni attribuiscono tutti i mali sanitari del paese e certamente questo non è vero. È indubbio però, che il manager di Stato è “commissario straordinario per l’attuazione e il coordinamento delle misure occorrenti per il contenimento e il contrasto dell’emergenza epidemiologica”, nominato dal Presidente del Consiglio, è contemporaneamente
Amministratore Delegato di Invitalia, “agenzia nazionale per l’attuazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa”, dipendente dal Ministero dell’Economia, è al vertice del piano di vaccinazione nazionale, alle dipendenze del Ministro della Salute ed infine, dulcis in fundo, è in procinto di dirigere l’ILVA, la maggiore impresa italiana di produzione di acciaio.

Quattro impieghi, con tre diversi referenti, che toglierebbero il fiato a Mandrake. Infinite competenze, enormi poteri, tanti amici che, quando ben remunerati, sembra siano sempre pronti a dargli una mano, per acquistare mascherine od altro. Forse, dopo Giovanni Agnelli senior, Enrico Mattei e pochissimi altri, nessuno, in Italia, aveva mai tanto spaziato come lui, ovunque e dovunque! Qualora tutto ciò avesse portato a dei risultati positivi, “il popolo” avrebbe applaudito. È avvenuto per vent’anni anche con il Duce. Nel caso di Arcuri invece, i risultati sono stati subito insoddisfacenti e la sua prudenziale decisione di abolire le periodiche conferenze stampa, denota forse che, anche lui, se ne rende conto e noi ci auguriamo ardentemente, che se ne renda conto presto anche il nostro Premier.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

iGdI TV

Articoli Recenti

Più visti