Martedì, 25 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Anniversario Costa concordia: ecco dove si trova ora la nave naufragata dieci anni fa

Ricorre oggi il decimo anniversario dal naufragio della Costa concordia all'Isola del Giglio: ecco dove si trova ora la nave e che fine ha fatto da quel lontano 13 gennaio 2012

13 Gennaio 2022

Costa Concordia

La Costa Concordia (fonte foto: lapresse.it)

Dieci anni fa il naufragio della Costa concordia all'Isola del Giglio: ecco dove si trova ora la nave e che fine ha fatto da allora. Sicuramente uno degli eventi salienti dell'inizio di secolo, non solo italiano, la Costa Concordia è stata osservata da mezzo mondo per settimane. Tutti abbiamo ancora scolpiti dentro le immagini dei soccorsi, degli elicotteri e di quel colosso gigantesco bloccato poco distante la riva. E in molti si chiedevano cosa ne sarebbe stato di quella nave e come avrebbero fatto a recuperarla.

Costa concordia, dove si trova ora

L'appalto per la gestione e lo smaltimento di quel che restava della Concordia venne vinto da Genova Industrie Navali,  importante gruppo del settore. In una nota a conclusione dei lavori, arrivata il 7 luglio 2017, si spiegava che tutto l'iter aveva richiesto circa un milione di ore, divise per il numero di operai che vi avevano lavorato. Oltre 350, con una media di 200 operai al giorno. Il tutto è stato poi reso possibile dal contributo di 78 aziende, quasi tutte italiane. Alla fine il recupero di materiali è stato del 90% rispetto al peso della Concordia, pari a oltre 50mila tonnellate. Circa 8mila non riutilizzabili sono invece andate smaltite come come rifiuti.

Il recupero della Concordia a Genova

Lo smaltimento della Concordia è avvenuto a Genova. I lavori sono cominciati a luglio 2014, due anni e mezzo circa dopo il naufragio Ciò è stato possibile grazie alla collaborazione tra San Giorgio del Porto e Saipem. Le due hanno fatto nascere il consorzio Ship Recycling. Ferdinando Garrè, amministratore delegato di Genova Industrie Navali, ha riferito che la maggior parte del materiale recuperato era costituita da acciaio. Dopo essere stato recuperato, è stato rilavorato nella zona di Brescia e "completamente riutilizzato". Dai mobili e dagli arredi sono stati ottenuti vetro, legno e materiali plastici. Il responsabile per la sicurezza dei lavori di Genova Industrie Navali, Pietro Piaggio, ha così raccontato il lavoro sulla Costa Concordia: "È stato un lavoro nuovo, e per noi che di mestiere le navi le costruiamo e le ripariamo, è stato brutto vederne una ridotta così". Ma, aggiunge: "Abbiamo fatto un lavoro straordinario e acquisito una professionalità che sarebbe sbagliato perdere. Tutto era seguito passo passo, c'erano controlli sull'acqua per evitare inquinamento, controlli per la sicurezza, uno spiegamento di forze e di sorveglianza mai visto."

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x