Mercoledì, 08 Dicembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Roma, sindacati in piazza. Landini: "Difendiamo la democrazia"

Attesi in piazza il segretario del Pd Enrico Letta e il leader del M5s Giuseppe Conte. Lo slogan è "mai più fascismi"

16 Ottobre 2021

Roma, sindacati in piazza. Landini: "Difendiamo la democrazia"

Fonte: lapresse.it

Una manifestazione che "difende la democrazia di tutti" quella in corso oggi, sabato 16 ottobre 2021, a Roma dove i sindacati sono scesi in piazza per dire "no ai fascismi e alla violenza" e "sì al lavoro, alla sicurezza e ai diritti dei lavoratori italiani". Così parla il segretario generale della Cgil Maurizio Landini che, non appena arrivato al corteo, ribadisce il tema della protesta. Rispondendo poi alle parole del leader della Lega Matteo Salvini, sostiene: "L'attacco alla Cgil" di sabato scorso "è in realtà un attacco alla dignità del lavoro di tutto il Paese. E noi siamo qui non per difendere qualcuno ma per difendere la democrazia e per estenderla".

Assalto alla Cgil, Landini: "Attacco al lavoro e alla democrazia"

Oggi Cgil, Cisl e Uil, insieme ad alcuni vertici del centrosinistra e altre associazioni, scendono in Piazza San Giovanni a Roma per quella che definiscono una "manifestazione democratica e antifascista". I protestanti sono uniti e fanno sentire il loro disappunto dopo l'attacco "squadrista" che si è verificato la settimana scorsa nella Capitale. Un attacco, secondo i sindacati, "a tutto il mondo del lavoro e alla democrazia".

Maurizio Landini, Luigi Sbarra e Pierpaolo Bombardieri chiamano così migliaia di cittadini e chiedono sostegno anche a tutte le forze "sane" del Paese. Lo slogan è "mai più fascismi". Sono attesi in piazza, tra gli altri, anche il segretario del Pd Enrico Letta e il leader del M5s Giuseppe Conte. Sul palco poi prenderanno parola i leader di Cgil, Cisl e Uil.

Dopo l'attacco di sabato scorso c'è bisogno di "una risposta immediata", aveva detto Letta. "Saremo in piazza non con simboli di partito ma con il tricolore". "La piazza sarà di parte", aveva attaccato dall'altra parte il segretario della Lega Matteo Salvini. Ora bisogna parlare a tutti, contro gli estremisti, senza andare alla guerra", aveva poi concluso il leader del Carroccio. 

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x