Mercoledì, 28 Luglio 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Covid, rischio zona gialla per 4 regioni: la mappa di Ecdc

Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie basa le fasce di rischio sui positivi ogni 100mila abitanti

22 Luglio 2021

Covid, rischio zona gialla per 4 regioni: la mappa di Ecdc

Mascherine coronavirus (foto LaPresse)

Ancora incertezza in questa fase estiva del Covid, mentre Ecdc segnala nella sua mappa delle fasce di rischio il ritorno alla zona gialla per 4 regioni italiane. Per il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie viene segnalato un aumento dei casi tale da far suonare un primo campanello d'allarme.

Non è ancora certo quale sarà la presa di posizione del Governo, che per ora sta valutando - e confermerà a breve - i nuovi criteri che determineranno le scelte in tema di chiusure o riaperture. La mappa di Ecdc segnala quattro regioni italiane a partire da oggi 22 luglio, un avviso che per ora non ha ricadute legali perché si tratta di un aggiornamento dei dati. Fino a nuove disposizioni del Cts, tutte le regioni italiane rimangono bianche.

Covid, rischio zona gialla per 4 regioni: la mappa di Ecdc

Sulla mappa sono passate in giallo Veneto, Lazio, Sicilia e Sardegna  mentre il resto dell'Italia rimane in verde. I dati di Ecdc si basano sul tasso di notifica di nuovi casi a 14 giorni ogni 100mila abitanti e sul tasso di positivi nei test effettuati. La carta dell'Ecdc viene utilizzata come riferimento per le decisioni degli Stati membri dell'Ue in materia di restrizioni di viaggio. Il verde indica il rischio minore, mentre l'allarme cresce con la scala cromatica a cui ci siamo abituati: il rischio cresce secondo una progressione di giallo, rosso e rosso scuro (situazione con rischio massimo).

Per quanto riguarda l'Europa, peggiora la situazione in Corsica, in Francia: inizialmente, ora è rossa. La Francia, che era in gran parte verde la settimana scorsa, è ora quasi tutta gialla, tranne la regione Centre-Val-de-Loire e la Borgogna-Franca Contea, che restano verdi. Ecdc segnala aumenti significativi dei contagi anche in Spagna, dove ci sono nuove comunità che passano in rosso scuro, tra cui le Baleari, Valencia, l'Aragona, la Cantabria e le Asturie, che si vanno ad aggiungere alla Castilla y Leon, alla Catalogna e alla Navarra, che erano rosse già dalla settimana scorsa. Il Portogallo, Azzorre incluse (Madeira è gialla), e il resto della Spagna restano rossi.

Situazione in peggioramento anche per l'Irlanda, che da gialla passa a rossa, così come per i Paesi Bassi, quasi giunti per la totalità al rosso scuro. In Grecia sono rosse la maggior parte delle isole, in particolare quelle più frequentate dai turisti, tra cui Creta (che diventa rossa scura), mentre per il resto si parla di fascia a rischio limitata. Gialla anche la Croazia, ma solo nella fascia costiera, mentre il resto rimane verde, stessa cosa per la Slovenia. 

Il Belgio è in giallo, il Lussemburgo rosso. Svezia (tranne Stoccolma) è tutta verde, idem per la Germania. La Danimarca è tutta gialla, con Copenaghen in rosso.  Gran parte della Finlandia e Norvegia sono a basso rischio, con solo due regioni a sud gialle. Cipro resta rosso scuro, Malta passa al rosso. In verde la mappa indica invece Austria, Polonia, i tre Paesi balticiRepubblica Ceca (tranne Praga, passata in zona gialla), Slovacchia, Ungheria, Romania e Bulgaria. Infine, anche l'Islanda è verde.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x