Sabato, 24 Luglio 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Santa Maria Capua Vetere, Cartabia: "Indagine su carceri in cui pandemia ha esasperato tutti"

La ministra della Giustizia Marta Cartabia parla delle violenze nel carcere di Santa Maria Capua Vetere e annuncia la formazione di una Commisione di indagine sulle carceri italiane

21 Luglio 2021

Santa Maria Capua Vetere, Cartabia: "Indagine su carceri in cui pandemia ha esasperato tutti"

Marta Cartabia (fonte Lapresse)

Ciò che è successo a Santa Maria Capua Vetere, stando alle indagini, "risulta essere non una reazione necessitata da una situazione di rivolta ma una violenza a freddo". Così parla Marta Cartabia questa mattina, mercoledì 21 luglio 2021, in aula alla Camera, condannando quindi le violenze commesse nel carcere. La ministra della Giustizia riprende poi le parole di Mario Draghi, il quale, nel giorno della loro visita nel penitenziario, aveva detto: "Questa è una sconfitta per tutti". Nel suo intervento avvisa anche: "Ci saranno delle indagini nelle carceri in cui la pandemia ha esasperato tutti".

Santa Maria Capua Vetere, Cartabia: "Indagine su carceri in cui pandemia ha esasperato tutti"

"Al di là delle singole responsabilità penali" le violenze nel carcere campano sono "qualcosa che interessa tutti", prosegue la ministra Cartabia, che poi spiega: "Il totale complessivo delle unità di personale dell'Amministrazione sospese a vario titolo è pari a 75. Rimangono altri indagati, per i quali il gip ha specificato che non v'è certezza della loro presenza. Per questo ha respinto la richiesta di misura cautelare. Su questi ultimi, attendiamo gli sviluppi dell'indagine, che sono in corso, prima di altre valutazioni".

Poi afferma: "Occorre un'indagine ampia perché si conosca quello che è successo in tutte le carceri nell'ultimo anno dove la pandemia da Coronavirus ha esasperato tutti". La ministra della Giustizia annuncia così la formazione di una Commissione ispettiva del Dap che visiterà, nei prossimi mesi, tutti gli istituti penitenziari dove si sono verificati "i gravi eventi", per valutare la correttezza degli interventi dopo le rivoluzioni nelle carceri italiane.

Secondo la ministra infatti "i fatti di questa portata richiedono da un lato una risposta immediata da parte dell'autorità giudiziaria che sta lavorando per accertare le responsabilità penali, dall'altro sono spia di qualcosa che non va. E dobbiamo indagare e intervenire con azione ampie e di lungo periodo perché non accadano più. I fatti avvenuti all'interno della casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere - prosegue - sono una ferita gravissima alla dignità della persona, pietra angolare della nostra Costituzione".

Poi conclude: "Occorre guardare in faccia tutti i problemi, spesso cronici, dei nostri istituti penitenziari, affinché non si ripetano atti di violenza né contro i detenuti, né contro gli agenti della polizia penitenziaria, tutto il personale. Il carcere è lo specchio della nostra società. Ed è un pezzo di Repubblica, che non possiamo rimuovere dallo sguardo e dalle coscienze".

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x