Martedì, 22 Giugno 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Vaccini, Papa Francesco: sospendere brevetti e dare accesso a tutti

“Protezione proprietà intellettuale è virus dell'individualismo”, l’appello del Santo Padre

08 Maggio 2021

Covid, Papa Francesco: "Un'altra Settimana Santa in pandemia, siamo provati"

Papa Francesco (LaPresse)

Vaccini, Papa Francesco: sospendere brevetti e dare accesso a tutti

Papa Francesco in un videomessaggio ai giovani partecipanti al al "Vax Live: The Concert To Reunite The World", concerto benefico organizzato da Global Citizen per sostenere la distribuzione globale equa dei vaccini, chiede di "abbandonare i nostri individualismi e promuovere il bene comune". Per questo è necessario "uno spirito di giustizia che ci mobiliti per assicurare l'accesso universale al vaccino e la sospensione temporanea dei diritti di proprietà intellettuale". Secondo il Santo Padre occorre "uno spirito di comunione che ci permetta di generare un modello economico diverso, più inclusivo, equo, sostenibile". "La pandemia ci ha messo tutti in crisi, ma non dimentichiamo che non si esce uguali da una crisi, o ne usciamo migliori o peggiori".

La società ha bisogno di "una guarigione delle radici, che guarisca la causa del male e non rimanga solo sui sintomi. In queste radici malate troviamo il virus dell'individualismo, che non ci rende né più liberi né più uguali né più fratelli, anzi ci rende indifferenti alla sofferenza degli altri. E una variante di questo virus - sottolinea il Papa nel suo messaggio ai giovani e non solo - è il nazionalismo chiuso, che impedisce, per esempio, un internazionalismo dei vaccini. Un'altra variante è quando mettiamo le leggi di mercato o di proprietà intellettuale sopra le leggi dell'amore e della salute dell'umanità".

Vaccini, da Bruxelles la priorità è la produzione

Proprio a proposito dei vaccini e in particolare della loro produzione il presidente del Consiglio europeo Charles Michel auspica da Bruxelles "un dibattito su proposte concrete. Abbiamo discusso tre punti: la produzione e la distribuzione dei vaccini deve continuare in Europa, dobbiamo continuare a esser vigili sul rischio delle varianti e sostenere la ricerca e monitorare la situazione, mentre il terzo punto è la solidarietà internazionale. L'Ue è l'unica democrazia impegnata a esportare massivamente i vaccini, mentre sulla proprietà intellettuale non pensiamo che possa essere una soluzione magica a breve termine e serve un dibattito". 

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x