Sabato, 25 Giugno 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Giorgio Armani, la collezione Emporio è un inno alla leggerezza e alla "joie de vivre"

Di Victor Venturelli

20 Giugno 2022

Giorgio Armani in occasione della Milano Fashion Week SS23 porta in passerella il concetto di leggerezza. La sfilata Emporio, che ha preso vita nella suggestiva cornice dell'Armani Teatro di Via Bergognone, è stata un inno alla gioia di vivere rivolta ad un uomo elegante che attraverso il proprio outfit persegue la massima espressione del significato di libertà nel vestire e nel vivere.

Giorgio Armani, la collezione SS23 tra spensierata eleganza e leggerezza

La moda di Giorgio Armani non ha bisogno di presentazioni, eppure con la collezione Primavera Estate 23 di Emporio siamo di fronte ad un tentativo più che riuscito di portare il marchio verso una dimensione eterea, dove ad essere indossati dai modelli non ci sono semplici abiti, ma un intero percorso ideologico, rappresentativo di uno stile di vita che si riflette nei capi e nella scelta dei tessuti e dei materiali.

Un susseguirsi di forme, richiami, contrapposizioni di colore e dettagli in un viaggio pieno di sorprese rintracciabili in ogni capo. Armani porta in città lo spirito della vacanza, come dimostrano i cappelli intrecciati dalle tese esagerate e sabot di gomma ondulata, viceversa dona alla vacanza un'appropriatezza composta e fresca, esaltando una spensierata eleganza. 

La collezione Emporio Armani, una vibrante sensualità per l'uomo che non ha paura di lasciarsi andare

Giorgio Armani disegna una collezione che richiama e valorizza l'istinto umano grazie a dettagli e scelte stilistiche che valorizzano il corpo rendendolo protagonista con la propria energia vitale.

Ecco così che ritorna la camicia, abbinata a pantaloni morbidi tagliati nello stesso tessuto perseguendo la volontà di donare leggerezza a chi li indossa. Anche i volumi delle giacche e delle casacche dai sentori di uniforme sfiorano il corpo, lasciando trasparire la pelle attraverso intagli, fessure e dettagli che richiamano la stagione estiva e la ricerca di comfort e freschezza.

Non mancano marchi di fabbrica tipici dello stile Armani come i blazer decostruiti che si arricchiscono di nuove versioni jacquard che portano sul tailoring scene di pura spensieratezza estiva, sempre nel segno dell'eleganza e della sobrietà.

Re Giorgio e la joie de vivre a ritmo di reggae

Innovatore capace di leggere i tempi che cambiano, Re Giorgio disegna la collezione Emporio Armani Primavera/Estate 23 facendosi trasportare dai colori del cielo. Ecco così che gli abiti seguono le sue sfumature, dal bianco della luce abbacinante all'azzurro, passando per il blu mare fino a diventare nero richiamando il mondo della notte. 

Un contatto con la forza della natura che trasmette una spinta quasi tribale e spontanea che trova il coronamento nell'epilogo della sfilata, in cui un giovane modello muovendosi a ritmo di reggae manifesta il concept dell'intero show: la spensieratezza di vivere.

Armani ci ricorda che dobbiamo imparare a prendere le cose come vengono e sorridere alla vita, e lo fa come è solito lui, attraverso uno show in cui ancora una volta il suo animo più gentile e delicato riesce ad insegnarci come la moda oggi, non può prescindere dal contatto con la quotidianità.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x