Giovedì, 26 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Luisa Beccaria, inno creativo alla leggerezza femminile senza limiti

 

Di Victor Venturelli

04 Marzo 2022

Luisa Beccaria ha presentato in occasione della Milano Fashion Week 22/23 la propria collezione Autunno Inverno. Il compito di raccontare al meglio i capi e le creazioni è stato affidato ad un cortometraggio diretto da Amaranta Medri ed è quasi interamente ambientato nello studio della giovane artista Sofia Cacciapaglia che è una vera e propria istallazione d’arte.

Luisa Beccaria, la moda come viaggio nella leggerezza

Il cortometraggio ci catapulta in una dimensione eterea, leggera, dove viviamo l’essere artista in un vortice di colori che fanno del cromatismo un elemento essenziale e unico della collezione. Tra colori muted e twilight, nonché stampe fiorite che da sempre caratterizzano il brand, gli abiti sembrano prendere vita sul corpo di modelle e ballerine chiamate a rappresentare il concetto di delicatezza e eleganza.

Un gioco di corrispondenza tra forme, colori e materiali fanno si che la collezione Autunno Inverno sembri quasi un lento avvicendarsi di dettagli e capi che, uniti tra loro con armonia e equilibrio, seguono il flusso delle stagioni senza mai rompere nettamente tra una e l’altra ma anzi portandoci a vivere il flusso del tempo che scorre.

Fragili abiti, camicioni e bluse dai fondi leggeri, sono via via scaldati da lupetti e pantacollant in micro fantasie coordinate e abbinati a redingote dalle silhouette minute, capispalla couture e giacche in eco-fur.

Luisa Beccaria, lusso sostenibile che guarda alla positività

Una ricercata armonia che si manifesta in un messaggio di positività e di luce. Con la collezione A/I 22-23 Luisa Beccaria sembra ricordarci l’importanza dell’iper femminilità vista come gioco sofisticato di tessuti, materiali e stampe in un viaggio fra tradizione e innovazione.

Chiffon, pizzo, stretch satin, cangiante velluto devorè e morbido jersey elasticizzato si contrappongono a rasi corposi, lane stampate, suede e ricchi broccati.

I patterns degli stampati omaggiano grandi must have indossati da celebrità come Angelina Jolie, Nicole Kidman, Madonna e Sarah Jessica Parker.

Luisa Beccaria, il colore al centro

 Nella collezione di Luisa Beccaria il colore diventa vero protagonista grazie ad un ventaglio cromatico eterogeneo ed estremamente luminoso e ricco di sfumature. 

Le corolle scarlatte e celesti, resi celebri dal cappotto corto in velluto padded fiorito si stagliano su fondi avorio e blu, mentre leggeri ramage trompe l'oeil sono mixati a micro stampe all over sui toni del verde. Queste fantasie sono declinate negli IT-dress: Luisa (chemisier con cintura), Whitney (caratterizzati dalle lunghe file di bottoncini) e Marylin (finemente plissettato), sulle tute, nelle bluse e nei nuovi tailleur che abbinano caban a doppio petto a minigonne a pieghe.

Il suede e il jersey sono utilizzati anche per gonne longuette scivolate abbinate a una maglieria in cachemire bicolore specchio di come l’unione tra elegante e sportivo sia oggi peculiarità per una donna che non si ferma e che anche nelle occasioni meno formali non vuole abbandonare il proprio tocco di stile.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x