Martedì, 21 Settembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Con Mégane E-TECH Renault allarga la gamma delle ibride “vere”

Come la sorella SW Mégane Sporter la Renault Mégane berlina è ora disponibile anche in versione Plug-in Hybrid da 160 CV con la tecnologia da Formula 1 E-TECH

26 Luglio 2021

La gamma E-TECH di Renault è composta da due tecnologie, Full Hybrid e Pulg-in Hybrid, e si articola su sei modelli: Clio, Captur (Full e Plug-in), Arkana e la SW Mégane Sporter. Mégane berlina completa la gamma con la versione Plug-in Hybrid già disponibile nelle concessionarie a partire da 36.400 euro

 

Renault allarga ulteriormente la gamma E-TECH con l’ultimo modello, la Mégane berlina, che si affianca a Clio, Captur, Arkana e alla sorella in versione station wagon Mégane Sporter. Il marchio E-TECH, che ha un forte legame con la Formula 1 tanto da essere riportato proprio sulle vetture Alpine, utilizza un’innovativa tecnologia ibrida che abbraccia due scenari: Full Hybrid e Plug-in Hybrid. L’architettura di base è la stessa, cambiano le batterie e la potenza massima complessiva che deriva da un diverso motore elettrico principale, ma l’alchimia che unisce gli elettrici al termico a benzina attraverso il cambio Multi-mode è la stessa.

 

Con la batteria da 1,2 kWh Clio, Captur e Arkana sono vetture Full Hybrid, cioè senza ricarica esterna, che raggiungono la potenza massima di 145 CV; mentre con le più grosse batterie da 10,4 kWh che si ricaricano dall’esterno (Plug-in Hybrid) un’altra Captur, e le due Mégane arrivano a 160 CV di potenza massima, per un totale di sei diverse Renault E-TECH.

 

Cuore del sistema E-TECH è il cambio Multi-mode che proviene direttamente dalla tecnologia ibrida delle Formula 1: è un cambio con ingranaggi a denti privo di frizione e sincronizzatori. Due rapporti sono dedicati all’unità elettrica da 45 kW (36 per le Full Hybrid) e quattro al motore termico da 91 CV. Sul cambio agisce un secondo motore elettrico (25 kW di picco) che svolge il ruolo di sincronizzatore per i rapporti del cambio ma anche di generatore/avviatore. Tecnologia tanto complessa da illustrare quanto, invece, semplice da utilizzare, proprio come una normale vettura con cambio automatico.

 

I componenti elettrici contribuiscono sensibilmente ad abbassare consumi ed emissioni, consentendo alle versioni plug-in di percorrere molta strada con la sola spinta del motore elettrico. In particolare, Renault Mégane E-TECH raggiunge nel ciclo medio WLTP fino a 50 km di autonomia in modalità unicamente elettrica (EV), chilometri che permettono a Renault di dichiarare un consumo di benzina nel ciclo misto, calcolato secondo i parametri WLTP, di soli 1,3 litri/100 km ed emettendo soltanto 29 g di CO2 a chilometro.

 

Il sistema di ricarica della Renault Mégane E-TECH permette di attestarsi tanto alle normali prese di corrente casalinghe da 2,4 kW quanto a tutte le tipologie di colonnine/wallbox: 3,7 kW, 7,4 kW e anche 22 kW. Con l’attestazione alla presa di casa a 220 V, assorbendo 2,4 kW, le batterie raggiungono la carica totale in cinque ore. Per preservare la durata nel tempo delle batterie, invece, in tutte le altre attestazioni la ricarica avviene a un massimo di 3,7 kW, anche se la colonnina sarebbe in grado di fornire molta più corrente. Così, in tutti questi casi, la ricarica completa dura sempre tre ore.

 

Pragmaticamente, perché la transizione ecologica non può avvenire in un giorno ma neppure in pochi anni, Renault accanto alle versioni E-TECH di Mégane berlina, fornisce anche le convenzionali motorizzazioni a benzina (1,3 TCe da 140 CV) e anche Diesel (1.5 Blue dCi 115 CV) rinnovate lo scorso anno.

 

Già nelle concessionarie, Renault Mégane E-TECH è disponibile nell’allestimento Business con cruscotto digitale, pulsante EV in plancia, cavo di ricarica per presa domestica e vano dedicato nel baule, a 36.400 euro; o nella versione sportiva con in più i sedili anatomici rivestiti in Alcantara e il Park assist, a 39.150 euro.

 

A listino Renault offre anche altre motorizzazioni benzina ad apporto elettrico definite microibride, con una tecnologia “leggera” a 12 Volt come alcune versioni della recente Arkana. Pur esseno anch’esse ibride, più precisamente delle Mild Hybrid, Renault stessa non le considera delle vere ibride e, quindi, non le fregia del marchio E-TECH.

 

Renault, marchio generalista pioniere dell’elettrificazione, può vantarsi di avere una gamma tra le più complete e articolare che abbracciano tutte le declinazioni, per un totale di dieci vetture: dalle 100% elettriche ZOE e Twingo al B-SUV Captur nelle due versioni Full e Plug-in Hybrid; dal SUV-Coupé Arkana, Full e anche microibrida, fino a SW e berlina Mégane Plug-in Hybrid. Si attende l’arrivo della nuova Mégan-e, vettura 100% elettrica su una nuova piattaforma (Cmf-Ev) che affiancherà le attuali Full Electric: il lancio europeo è previsto nella prima metà del 2022. R.T.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti