Martedì, 22 Giugno 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Volley, insulti razzisti. Squalificata perché mimava gli occhi della rivale asiatica

È successo in Italia. La pallavolista Sanja Djurdjevic è ora sospesa e la Federazione di pallavolo della Serbia dovrà pagare 22 mila dollari di multa

10 Giugno 2021

Volley, squalificata per razzismo. Mimava gli occhi della rivale asiatica

Fonte: pagina Facebook Federazione di pallavolo della Serbia

Caos nel mondo del volley: una giocatrice di pallavolo serba, Sanja Djurdjevic, è stata sospesa per due partite dopo essere stata ripresa dalla telecamera per mimare gli occhi della rivale thailandese. Un gesto razzista che non è piaciuto alla FIVB, la federazione internazionale per la pallavolo, che ha deciso di sospendere la ragazza e multare la squadra.

Sanja Djurdjevic, questo il nome della giocatrice, ha usato un gesto spesso utilizzato per deridere le persone con origini asiatiche. Il tutto è avvenuto durante una competizione internazionale tra Serbia e Thailandia, che si è tenuta a Rimini lo scorso 1 giugno.

Insulti razzisti alla partita Serbia-Thailandia: il comunicato FIVB

"La FIVB sta riesaminando la partita riprese di un presunto incidente durante la partita tra la Serbia e Thailandia. Se si ritiene che vi sia una violazione del regolamento disciplinare, la FIVB sottoporrà il caso alla sottocommissione disciplinare. La FIVB si impegna a promuovere la comprensione, la solidarietà e l’unità contro ogni forma di comportamento discriminatorio. La FIVB continuerà a lavorare instancabilmente, con tutte le sue federazioni nazionali per garantire che questi valori si riflettano in tutta la comunità", ha annunciato.

Poi, il verdetto: squalifica per due partite alla giocatrice Sanja Djurdjevic, e 22 mila euro di multa per la Federazione di pallavolo della Serbia.

Insulti razzisti: le scuse della Federazione Serba

In un comunicato, circolato attraverso i social della Federazione di pallavolo della Serbia, si legge: "Siamo profondamente addolorati per i recenti eventi accaduti durante la partita Serbia-Thailandia a Rimini e per il gesto sfortunato della nostra giocatrice Sanja Djurdjevic.
Ci scusiamo sinceramente con il team thailandese, il popolo thailandese e tutti voi colpiti da questo. Ma, per favore, non esagerate! Sanja è consapevole del suo errore e si è subito scusata con tutta la squadra thailandese. Voleva solo mostrare ai suoi compagni 'cominciamo a giocare in difesa come loro ora', non voleva mancare di rispetto. Certo, è stato sfortunato. È finito tutto per un semplice malinteso, in un clima amichevole tra i giocatori delle due squadre."

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x