Sabato, 04 Dicembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Conte contro Salvini, Dagospia lancia la provocazione: nel 2018 difendeva la Lega

Conte contro Salvini, Dagospia lancia la provocazione: nel 2018 difendeva la Lega a ogni costo. Renzi: "Conte contro Conte, un duello con sé stesso..."

25 Settembre 2021

Conte contro Salvini, Dagospia lancia la provocazione: nel 2018 difendeva la Lega

Salvini Conte (foto LaPresse)

Il leader del Movimento cinque stelle Giuseppe Conte continua la sua crociata contro gli oppositori, e ci mette particolare impegno nell'affossare la Lega di Matteo Salvini durante i comizi a sostegno dei candidati alle prossime elezioni amministrative. Ma, si sa, tutti abbiamo degli scheletri nell'armadio. Solo che quelli dei politici fanno più scalpore, soprattutto se qualche dichiarazione ' di troppo' rimane registrata negli archivi di stampa e televisione.

È quanto ripropone il sito Dagospia, che in piena campagna elettorale lancia la provocazione: nel 2018 l'ex premier era ben disposto a difendere la Lega, con tanto di promesse sul difendere la reputazione del partito dopo lo scandalo dei 49 milioni che il Carroccio avrebbe dovuto restituire allo Stato.

Gioco di ruoli e parti per Conte, ma il web non perdona

Ad incastrare Giuseppe Conte è stato l'intervento di uno spettatore tra il pubblico durante il comizio a Villa Lazzaroni a Roma. L'uomo insisteva per ricevere alcune risposte chiare dall'ex premier che, tra lo spazientito e l'ironico, ha risposto: "Non si scaldi, la faranno parlare, io parlo con tutti. Se vuole laggiù c'è il banchetto della Lega, gli chieda dei 49 milioni."

Questa leggerezza non è, però, passata inosservata. E da ogni lato dello spettro politico sono piovute le critiche nei confronti dell'ex presidente del Consiglio, che aveva parlato dei 49 milioni della Lega in toni ben diversi quando il ruolo lo richiedeva.

Dagospia non ha atteso un minuto per rispolverare gli archivi del 2018: durante l’evento estivo 'La Piazza' nel 2018, organizzato dal Affaritaliani.it, Giuseppe Conte aveva invece raccontato che, se non fosse stato premier, si sarebbe subito messo a disposizione di Salvini come avvocato difensore. "La Lega ha incontrato una forte e oggettiva difficoltà in questo momento, capisco lo scoramento del vicepresidente Salvini. Ve lo confesso: se non avessi questa veste da presidente del Consiglio dei ministri mi sarei offerto alla Lega di difenderli per mettere al loro servizio la mia esperienza professionale."

Gli utenti sul web e l'opposizione, però, si sono ricordati delle parole di Conte, anche con l'aiuto della provocazione del noto sito di informazione politica. L'ex ministra Teresa Bellanova, oggi in Italia Viva, ha scritto: "Conte oggi attacca Salvini sui 49 milioni. È lo stesso Conte che tre anni fa voleva fare l’avvocato di Salvini sui 49 milioni? La solita falsità dell’avvocato del popolo." A seguire anche il leader di Iv Matteo Renzi: Oggi Conte ha detto contro la Lega: una vergogna i 49 milioni! Ma tre anni fa offriva patrocinio a Salvini per difenderlo. È sempre Conte contro Conte, un duello con se stesso...".

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x