Mercoledì, 22 Settembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Quirinale, Prodi si toglie dalla lista per il dopo Mattarella: "Starò a guardare Draghi"

Il fondatore dell'Ulivo: "Se Mattarella dice di non voler essere rieletto sarà così"

15 Settembre 2021

Quirinale, Prodi si toglie dalla lista del dopo Mattarella: "Starò a guardare Draghi"

Fonte: lapresse.it

Romano Prodi si scansa dalla carica di Presidente della Repubblica asserendo che non vuole raccogliere l'eredità del dopo Sergio Mattarella al Quirinale. Forse è tutta una tattica, quella dell'ex fondatore de L’Ulivo, che però afferma che "nel voto del 2022 per il Quirinale starò a guardare”. Il professore, anche chiamato il Mortadella, si è raccontato in ‘Strana vita, la mia’ il libro scritto con Marco Ascione (Solferino), ora in uscita.

Quirinale, Prodi si toglie dalla lista del dopo Mattarella

Se quella di Prodi, tra i principali candidati, non è una tattica, allora tutto fa pensare che si andrà a un Mattarella bis. L'ipotesi non è nemmeno stata scartata dalla leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni. "Si tratta di una possibilità", ha fatto sapere Meloni, "anche se io non sono d'accordo". "Conoscendolo, se dice di non volere essere rieletto, sarà così. Credo a quello che dice", commenta invece Romano Prodi.

Trai i candidati papabili, ora come ora, non c'è nemmeno Silvio Berlusconi. Per quanto il Cav ci tenga a essere tenuto in considerazione, troppe cose giocano a suo sfavore. innanzitutto i suoi problemi di salute, che lo hanno accompagnato per tutto l'ultimo anno e mezzo. Poi ci i suoi problemi giudiziari. E infine a remare contro il leader e fondatore di Forza Italia c'è il fatto che le camere sono composte per la maggior parte da suoi oppositori. Difficilmente infatti gli esponenti di Italia viva, Pd e soprattutto Movimento 5 stelle voteranno a favore di Berlusconi.

Romano Prodi ricorda quando fu vicino, nel 2013, proprio a diventare il Capo dello Stato, ma in quell'occasione mancarono i voti di Forza Italia che decise di sfilarsi. "Non c’era bisogno del no di Berlusconi per farmi mancare i voti nel 2013", ha detto il professore o la Mortadella (a seconda dei gusti politici). "Con la bocciatura al Quirinale non ci sono problemi, non era cosa che facessi il Capo dello Stato, tutto qui. Debbo anche aggiungere che gli anni successivi sono stati tra i più felici della mia vita”. 

Secondo Prodi, "il riformismo deve trovare un’identità nuova dopo 35 anni di un liberismo che ha devastato i diritti sociali”. Con Mario Draghi, continua, "abbiamo recuperato in immagine internazionale, ci sono gli aiuti del Next Generation Plan. La Ue ha compiuto un grandioso passo avanti grazie alla conversione di Angela Merkel e della Germania. E grazie alla Brexit, senza la quale non ci sarebbe stato il ripensamento: ex malo bonum” ha affermato.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x