Venerdì, 25 Giugno 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

M5s, Giuseppe Conte: "Il Movimento avrà respiro più ampio e internazionale"

In un'intervista con il Corriere della Sera Giuseppe Conte annuncia il rientro in politica con il Movimento: "Sono molto motivato"

07 Giugno 2021

Giuseppe Conte rivela alcune novità per il M5s e annuncia così il ritorno del partito sulla scena politica del Paese. "Sono molto motivato e pronto a continuare a lavorare per il bene dei cittadini", ha detto l'ex Premier in un'intervista con il Corriere della Sera. "Il Movimento 5 Stelle avrà avrà un respiro più ampio e internazionale - aggiunge - sarà in costante dialogo con la società civile e con tutte le componenti sane del Paese. Allargheremo il nostro raggio di azione a tutti i ceti produttivi, anche a quelli a cui in passato non abbiamo guardato con la dovuta attenzione. Penso a tutta la filiera dei servizi, al commercio, alle piccole e medie imprese, ai lavoratori autonomi, ai professionisti".

Giuseppe Conte e il M5s: una ripartenza?

Dopo una prima fase di crisi il Movimento 5 Stelle sembra ora sul punto di riorganizzarsi, e questo soprattutto grazie a Conte. Nelle dichiarazioni di lunedì 7 giugno emerge un programma chiaro. "Noi che abbiamo lavorato per la tenuta del Paese durante le fasi più acute della pandemia vogliamo essere protagonisti anche della ripartenza", dice. Messe da parte le rivalità, Conte propone quindi una collaborazione "Leale e costruttiva".

Affermazioni che fanno pensare a una leadership più determinata per guidare la ripartenza del programma politico del Movimento. I 5 Stelle da adesso avranno "un nuovo volto", rivela l'ex premier, "ancora impegnati a combattere mafia e corruzione, ma anche aperti alla collaborazione".

Non mancano alcune critiche verso il Governo Draghi: "Alcune decisioni hanno scontentato i cittadini e suscitato perplessità, penso al sostegno alle imprese, ad alcuni indirizzi in materia di tutela dell’occupazione e di transizione ecologica. Disorientamento hanno provocato anche il condono fiscale e adesso l’emarginazione dell’autorità anticorruzione. È normale che il disagio dei cittadini si ripercuota anche sulla forza che conserva la maggioranza relativa in Parlamento."

Il "complotto internazionale e l'uscita dalla politica: Conte smentisce Travaglio

Giuseppe Conte ha colto l'occasione per puntualizzare la propria agenda politica con il Movimento 5 Stelle e mettere a tacere le voci su complotti e ritorno alla vita accademica. "In questo momento è importante che il Governo possa proseguire il suo percorso e dobbiamo evitare che il totoQuirinale diventi un elemento di confusione", dice l’ex premier che, riguardo la scelta di Draghi di dare la delega ai Servizi a Gabrielli e di sostituire al Dis Vecchione con Belloni, afferma che "sono scelte che rientrano nelle prerogative del premier. Durante la scorsa esperienza di governo altri sembravano averlo dimenticato e si stracciavano le vesti ogni giorno, perché esercitavo queste prerogative di legge. Il dibattito su continuità e discontinuità non mi appassiona, non vivo la politica sulla base di personalismi".

Una delle prime domande del Corriere recupera il neologismo coniato da Marco Travaglio, che sull'epilogo del Governo Conte bis ha scritto un intero libro: "Lei crede al conticidio?". "Nessuno ha mai pensato a un complotto internazionale", replica Conte. "Il mio governo ha sempre ricevuto forte sostegno dalle cancellerie europee, anche perché, se non lo avesse avuto, l’Italia non avrebbe ottenuto l’affidamento per i 209 miliardi del Recovery".

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x