Domenica, 29 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

ACI, parte il “Rallye di Monte-Carlo Historique 2022”: prima tappa Milano, ultima Principato di Monaco

Geronimo La Russa, Presidente Automobile Club Milano: "La città è stata la culla di straordinarie avventure motoristiche, sia sportive, sia imprenditoriali. Per questo motivo è stata scelta come tappa di avvicinamento con destinazione il Principato di Monaco"

27 Gennaio 2022

ACI, parte il “Rallye di Monte-Carlo Historique 2022”: prima tappa Milano, ultima Monte Carlo

Il “Rallye di Monte-Carlo Historique”, una delle più importanti e prestigiose manifestazioni di regolarità riservate alle auto storiche, è partito oggi pomeriggio da Milano: l’evento, organizzato da Automobile Club Milano, ACI Storico e da Canossa Events, è sponsorizzato da MA-FRA. Quest’anno l’Italia - con Francia e Germania - è una delle tre sedi scelte dagli organizzatori per ospitare le tappe di avvicinamento con partenza da località emblematiche (Milano, Reims e Bad Homburg) e destinazione Monte-Carlo, da dove il 29 gennaio comincerà il “Rallye”, che terminerà il 2 febbraio. 

“Rallye di Monte-Carlo Historique” sceglie Milano come tappa di partenza

Ieri i 120 equipaggi hanno raggiunto il parc fermè in via Marina dove si sono svolte le verifiche tecniche. 

Oggi alle 18:00 dal palazzo di Automobile Club Milano, è partita la prima auto, seguita da tutte le altre, al ritmo di una al minuto. 

“Per la terza edizione consecutiva abbiamo ospitato la partenza del ‘Rallye Monte-Carlo Historique’: collaborare nella realizzazione di un evento così prestigioso con Automobile Club de Monaco ci rende particolarmente orgogliosi”, ha affermato Geronimo La Russa, presidente di Automobile Club Milano.

“Milano è stata la culla di straordinarie avventure motoristiche, sia sportive, sia imprenditoriali. Per questo motivo è stata scelta come tappa di avvicinamento con destinazione il Principato di Monaco. Le auto d’epoca sono un patrimonio culturale da valorizzare perché aiutano a conoscere e approfondire la storia dei vari territori e costituiscono uno strumento per incrementare lo sviluppo del turismo nel nostro Paese”, ha concluso La Russa

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x