Lunedì, 25 Ottobre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

politica

Ruby ter, Renzi: "Perizia psichiatrica a Berlusconi è persecuzione"

Il leader di Italia Viva: "Non potrei definire altrimenti la perizia psichiatrica per un signore di 85 anni"

18 Settembre 2021

Ruby ter, Renzi: "Perizia psichiatrica a Berlusconi è persecuzione"

Matteo Renzi, in merito alla richiesta di una perizia psichiatrica a Silvio Berlusconi che ancora alle prese con il processo Ruby ter, si è schierato dalla parte del Cavaliere. "Non vedo Berlusconi dal gennaio 2015 e non ho mai parlato con lui di Quirinale. Di vicende giudiziarie sì, di altro no. Ricordo che Berlusconi non ha mai votato la fiducia al un mio governo e che io sono orgoglioso di aver eletto Sergio Mattarella, quando si ruppe il dialogo iniziato con il noto patto del Nazareno", ha principiato il leader di Italia viva, intervistato da Barbara Jerkov a Siena presentando 'Controcorrente', ha parlato anche dei rumors legati a un presunto incontro con Silvio Berlusconi durante l'estate.

Ruby ter, Renzi: "Perizia psichiatrica a Berlusconi è persecuzione"

Il Cav, come è noto, deve fare i conti con la richiesta di perizia psichiatrica nell'ambito del processo Ruby ter. "Incredibile la perizia psichiatrica a Berlusconi: giusto verificare se è malato o meno ma chiedere una perizia del genere assume i contorni di una inutile, sguaiata provocazione", ha ribadito Matteo Renzi.

"Non si fa altro che confermare che in questi anni c’è stata una persecuzione: non potrei definire altrimenti la perizia psichiatrica per un signore di 85 anni - aggiunge il leader di Italia viva -. Giusto che Berlusconi presenti ricorso, e alla sinistra dico: arriverà il momento di dare un giudizio politico sulla sua vicenda senza cercare di combatterlo per via giudiziaria".

Berlusconi, no alla perizia psichiatrica

"La decisione di sottopormi a perizia non solo medico-legale e cardiologica, ma anche psichiatrica, appare al di fuori di ogni logica e del tutto incongrua rispetto alla mia storia e al mio presente". Sono state queste le parole scritte da Berlusconi, che non ha peso tempo, uscendo allo scoperto a sorpresa, con una presa di posizione netta. 

"L'ipotesi di sottopormi ad un ampia ed illimitata perizia psichiatrica da parte del Tribunale - prosegue Berlusconi - dimostra, per ciò che ho fatto nella vita in molteplici settori tra cui l'imprenditoria, lo sport e la politica, un evidente e incredibile stravolgimento della realtà nell'ambito di questo ingiusto processo. Non posso accettare quindi tale decisione, che è lesiva della mia storia e della mia onorabilità".

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x