Domenica, 13 Giugno 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Covivio, Alexei Dal Pastro, Amministratore delegato Italia: 'Sviluppare uffici innovativi e sostenibili'


L'Amministratore Delegato Italia di Covivio: " L’obiettivo è quello di sviluppare un quartiere innovativo e sostenibile". L'intervista a Il Giornale d'Italia

Di Carola Desimio

20 Maggio 2021

In un’intervista a Il Giornale d’Italia, realizzata nella sede centrale in Italia di Covivio a Milano, l’Amministratore Delegato Alexei Dal Pastro ci ha raccontato com’è cambiato il mercato immobiliare nel post covid e quali sono i driver di crescita su cui l’azienda punta per realizzare un progetto urbanistico che getta le basi su criteri di sostenibilità e innovazione. Ma connettività, flessibilità, benessere e sostenibilità sono solo alcune delle caratteristiche che Covivio mette a disposizione dell’urbanistica milanese. L’azienda, infatti, viene anche definita Urban Designer in virtù di ciò che apporta alle città dal punto di vista dell’urbanistica e della desiderabilità. 

Covivio, Alexei Dal Pastro: "Puntiamo su uffici di nuova generazione"

“La pandemia ha avuto un impatto importante sull’organizzazione degli uffici, che per altro stiamo scoprendo anche in questo periodo dal momento che non ne siamo ancora del tutto usciti. Eravamo già abbastanza preparati per l’evoluzione della nostra offerta e abbiamo cercato di incorporare l’accelerazione dei principali trend in corso: stiamo puntando su uffici di maggiore qualità, integrati da molti servizi, benessere. Ovviamente risulta centrale anche il tema della sicurezza, che è salito molto nel ranking dei nostri inquilini. Parliamo di sicurezza a 360°: dalla qualità dell’aria, gli accessi e tutte le soluzioni che possono garantire quello che è un elemento fondamentale nella vita di tutti noi". 

"Rimaniamo molto ottimisti sul nostro settore di riferimento, che sono appunto gli uffici. Crediamo che ci sarà una forte polarizzazione. Ci saranno gli uffici di nuova generazione sui quali noi ci stiamo concentrando: uffici tecnologicamente evoluti, green, sostenibili, dove il benessere domina le giornate degli occupanti che avranno un futuro molto brillante. Viceversa, gli uffici che stanno in location secondarie, o che non sono di nuova generazione e quindi figli del loro tempo, soffriranno un po’ di più. Noi come Covivio siamo già fortemente focalizzati sulla prima categoria di uffici, contiamo di incrementare e quindi l’ottimismo non manca".

Covivio in Italia come Urban Designer, Alexei Dal Pastro: "L'obiettivo è sviluppare un quartiere innovativo e sostenibile"

Urban Designer è un termine che ci piace molto e sento che è molto aderente all’attività che noi facciamo. Abbiamo moltissime iniziative che portiamo avanti già da tempo come SYMBIOSIS, The Sign. Tuttavia, credo che questa definizione di Urban Designer si sia utilizzato ultimamente soprattutto in riferimento allo Scalo di Porta Romana, che è un grandissimo sviluppo a sud del centro di Milano, sul quale siamo felici di poter lavorare e contribuire allo sviluppo della città. L’obiettivo è quello di sviluppare un quartiere innovativo, sostenibile e che possa rappresentare un punto di riferimento non solo in Italia ma nel mondo. Lo scalo di Porta Romana è uno dei progetti nuovi che ci terrà impegnati almeno fino al 2026. Continuiamo ad essere molto attivi sulla rigenerazione del nostro portafoglio, cercando di estrarre tutto il valore che c’è all’interno. Siamo molto impegnati sul fronte dell’evoluzione della nostra offerta. L’anno scorso abbiamo aperto il primo Wellio, i nostri uffici flessibili in Via Dante. Posso anticipare che intendiamo sviluppare quel tipo di offerta che è totalmente in linea con quanto richiesto dal mercato: esigenza di flessibilità, di servizi. Un prodotto che ben rappresenta l’evoluzione della nostra offerta".

 

[Covivio Italia, The Sign]

"Sugli sviluppi siamo molto attivi. In particolare su SYMBIOSIS, su cui stiamo lavorando dall’inizio del 2015. Tutto sta procedendo bene e in particolare abbiamo da poco annunciato una partnership con Snam, volta alla realizzazione del loro nuovo headquarter, un immobile importante di circa 20.000 m2 che contiamo di realizzare entro l’inizio del 2024, e che sarà in linea con quella che sarà l’evoluzione degli uffici".

hhh 

 

[Covivio Italia, sede di SNAM]

"Importanti passi avanti li stiamo facendo anche su The Sign, che è il nostro progetto nella zona di Romolo, sud ovest del centro di Milano. Recentemente, proprio alla fine del mese scorso, abbiamo consegnato la nuova sede di NTT DATA, una multinazionale importante nel settore dell’IT. Siamo veramente contenti di vedere che le multinazionali prendono casa nelle nostre iniziative di sviluppo", conclude.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti