Sabato, 16 Ottobre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Lo sguardo sui bambini di "Ora di futuro" per un domani migliore

La scuola dei sogni nell'Osservatorio di Generali e Human Safety

12 Ottobre 2021

Roma, 12 ott. (askanews) - La mia scuola del futuro ha metà tetto trasparente per guardare che succede in cielo. La mia scuola del futuro ha un'aula delle emozioni...la mia ha una fattoria con maiali, mucche e pulcini... La mia è aperta sempre, anche il pomeriggio e la sera. Sono solo alcuni dei pensieri raccolti tra i 10mila bambini di oltre 5mila classi di terza, quarta e quinta elementare di tutta Italia coinvolti nella terza edizione dell'Osservatorio 'Ora di futuro' promosso da Generali Italia e The Human Safety Net.

Un progetto di educazione per i bambini attraverso le scuole e le famiglie e cinque onlus partner, i cui risultati sono stati illustrati in Senato. Marco Sesana è Country manager & Ceo di Generali Italia e global business lines: "Questo è un progetto che è nato tre anni fa, che abbiamo ideato e poi abbiamo finanziato, è un progetto che ha l'obiettivo di contribuire allo sviluppo della società. Per noi la scuola è il centro della società. È da qui che educhiamo i futuri adulti e quindi dobbiamo prestare particolare attenzione a come crescono questi bambini. Noi abbiamo messo a supporto dei bambini una piattaforma nel quale sviluppare i propri progetti, le proprie idee, nel quale imparare e abbiamo supportato tanti centri per le famiglie in difficoltà, ormai sono oltre 15 i centri che supportano famiglie in difficoltà attraverso delle onlus e quindi contribuiamo sia allo sviluppo intellettuale sia alle necessità più pratiche che hanno queste famiglie".

Un progetto con un doppio binario, dunque, da una parte i bambini delle scuole primarie per stimolarli verso scelte responsabili su salute e benessere, ambiente ed economia: in tre anni sono state coinvolte 11mila classi e 2.500 insegnanti. E dall'altra i 16 centri 'Ora di futuro' che supportano famiglie fragili con bimbi da 0 a 6 anni per garantire la continuità educativa e favorire la genitorialità. Ma cosa è emerso dall'analisi del team di pedagogisti? Roberto Benes, coordinatore nazionale di 'Ora di futuro'. "E' emerso innanzitutto che i bambini sono ottimisti, questa è una cosa che è trasversale in tutti e tre gli anni di progetto". "Quest'anno si aspettano che il mondo venga in qualche modo strutturato per loro. Probabilmente questo è dovuto anche all'effetto della pandemia". "Abbiamo impedito alle classi di interagire insieme, abbiamo costretti i bambini a mettere le mascherine, costretto i bambini a stare a casa, forse questo può averli passivizzati un po' e questo crea una domanda di grande partecipazione attiva".

"Il tema di quest'anno era la scuola. I bambini danno sempre molta importanza alla scuola e vedono una scuola come il centro della società, si immaginano una scuola in cui possono passare molto del tempo libero, addirittura fare cose serali o osservatori astronomici". "Ovviamente si aspettano che siano scuole laboratoriali, molto tecnologiche, in cui poter interagire con il verde, la natura e con gli animali. C'è anche una grande sensibilità verso gli animali e una grande voglia di imparare a relazionarsi con essi".

Giorgia, fa la quinta elementare in un istituto di Frascati, dove, ci racconta, coltivano frutta e verdura in un orto, sperimentano innesti e il 'ricavato' delle vendite torna all'orto. "Noi abbiamo organizzato un'idea per vendere frutta e verdura e dopo averli studiati accuratamente fare anche degli innesti di questi prodotti riutilizzando tutto quello che prendiamo, di soldi, dai prodotti sempre sull'orto e magari spiegare anche ad altre persone, se sono curiose, come fare l'orticello. "I miei nonni hanno un orto, e mi piace stare con loro e coltivare le verdure, è bello insomma". Ora parte il quarto anno di 'Ora di futuro', al via dunque le adesioni delle scuole su oradifuturo.it e weschool.com

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti