Mercoledì, 20 Ottobre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Reinventing non profit 2021, il terzo settore riparte da Milano

Due giorni di eventi per dare energia alla solidarietà

07 Ottobre 2021

Milano, 7 ott. (askanews) - Disabili invisibili. Quelli della pièce teatrale tratta dallo spettacolo "Più forte del destino" di Antonella Ferrari, attrice e ambasciatrice dell'Aism, l'Associazione italiana Sclerosi multipla - malattia con cui lei stessa convive da anni - ma non solo. Di loro e di molto altro si è parlato a Milano nel corso di Reinventing Non Profit 2021, sesta edizione dell'evento dedicato ai professionisti del terzo settore, per raccogliere idee e mettere a sistema le migliori competenze per costruire un futuro migliore, come ha spiegato Francesco Quistelli, ceo di Atlantis Company e fondatore di Reinventing.

"Reinventing non profit - ha detto - nasce per dare alle organizzazioni non profit nuove idee, nuova linfa e nuove scintille per l innovazione del terzo settore e, quindi, riuscire a creare un meccanismo virtuoso che consenta alle associazioni non profit di essere sempre più efficaci ed efficienti, a tutto beneficio dei beneficiari delle stesse organizzazioni e delle cause sociali di cui gli enti non profit si occupano".

In 2 giorni più di 25 appuntamenti di formazione e oltre 60 relatori d'eccezione, tra cui, appunto, Antonella Ferrari e la giornalista Cristina Parodi, ambasciatrice e madrina di Fondazione Cesvi, per condividere conoscenze e best practice su comunicazione, raccolta fondi e Corporate Social Responsibility (CSR) al fine di ricostruire e rilanciare il Terzo settore, soprattutto dopo i difficili mesi della pandemia di Covid-19, ancora in corso.

"Il terzo settore ha subito, come tutte le aziende e le organizzazioni, la pandemia di quest ultimo anno e mezzo. Rispetto alle aziende profit, diciamo, il non profit è sempre stato abituato a gestire risorse limitate e contenuti - ha precisato Quistelli - quindi è riuscito a gestire anche la pandemia nel modo migliore. Sicuramente ha subito gli effetti di non poter incontrare i propri donatori all interno di eventi e di manifestazioni, però ha attivato tutte le risorse digitali e online che poteva attivare, quindi è stato anche, nella negatività, un momento di trasformazione e di nuove opportunità per tutto per tutto il settore".

All'evento hanno preso parte anche rappresentanti di Fondazione Cesvi, dell Ospedale San Raffaele e della piattaforma di crowdfunding GoFundMe ed è stata presentata una fotografia dello stato di salute della solidarietà in Italia, attraverso la 19esima indagine sull andamento delle raccolte fondi degli enti non profit dell'Istituto Italiano della Donazione e del terzo rapporto sul dono in Italia, per capire dove siamo e quali sono le prospettive per il futuro.

"Le prospettive ideali - ha concluso l'ideatore dell'evento - sono quelle di unire il cambiamento positivo che è stato generato dalla pandemia, alla storia del mondo non profit, quindi la capacità di coinvolgere le persone nelle cause sociali. Quindi di creare fiducia, di creare relazioni, di avere anche risorse economiche da parte degli individui e delle aziende. Speriamo che migliori sempre di più la capacità finanziaria del non profit perché migliorerà sempre di più, il desiderio, da parte delle persone e delle aziende, di sostenerlo. E passa tutto dalla comunicazione, dal fundraising, dall organizzazione interna, dall approccio etico, dalla trasparenza; tutti temi che tratteremo e stiamo trattando a Reinventing non profit 2021".

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti