Martedì, 19 Ottobre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Wilma Labate: "La ragazza ha volato", violenza banale sulle donne

Il film a Venezia racconta una giovane a tutto tondo

03 Settembre 2021

Venezia, 3 set. (askanews) - Storia di una ragazza in una Trieste di periferia, una storia universale fatta di personaggi che subiscono la vita. Wilma Labate, regista, documentarista, a Venezia con "la ragazza ha volato", l'abuso su una donna raccontato come se fosse ovvio, socialmente accettato. Perché?

"Perché sono abbastanza convinta che purtroppo succede molto

spesso, e molto spesso viene taciuta, vuoi dalle convenzioni

sociali vuoi dal senso di colpa che ogni donna si porta dentro

per tutta la vita".

La banalità della violenza anche nelle parole dei protagonisti, Alma Noce e Luka Zunic:

"Qualsiasi circostanza di violenza ha diverse sfumature, può

essere aggressiva o semplicemente bisbigliata e magari la persona

che subisce non ha la forza di opporsi e lascia che succeda, ciò

non toglie che sia sbagliato".

"Essendo un personaggio cresciuto in determinati schemi, per lui è come se fosse una violenza non violenta".

La sceneggiatura dei fratelli D'Innocenzo ha colpito Labate anche

perché le ha permesso di raccontare un personaggio femminile

complesso, fuori dai canoni: "Bisogna uscire da quei canoni, bisogna entrare dentro altri mondi poco raccontati dal cinema. Il cinema ne ha un bisogno estremo, perché, beh... la sapienza e la curiosità del mondo nei confronti del femminile è ancora molto bassa".

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti