Giovedì, 16 Settembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Contro gli incendi arriva in aiuto il drone italiano X25 "Rapier"

Sviluppato dalla Sky Eye Systems - Gruppo OMA di Cascina (Pi)

10 Agosto 2021

Pisa, 10 ago. (askanews) - Contro gli incendi che, complici le elevate temperature, stanno distruggendo il patrimonio boschivo e creando notevoli danni, in Italia come all'estero, arriva un importante aiuto dal cielo.

Si chiama X25 "Rapier" ed è un piccolo aereo a pilotaggio remoto (Uas - Unmanned Aerial System) ad ala fissa, sviluppato dalla Sky Eye Systems (gruppo OMA) di Cascina (Pi), in grado di individuare precocemente i focolai dall'alto, supportare gli interventi dei mezzi antincendio, terrestri ed aerei e controllare H24 le aree a rischio o già in fiamme.

Giovanni Fumia, responsabile marketing della Sky Eye Systems.

"Il pilotaggio, dalla fase di decollo fino alla fase terminale di atterraggio, può essere completamente automatico - ha spiegato - permettendo agli operatori di concentrarsi esclusivamente sulle immagini rilevate dai sensori di bordo. I costi operativi sono di gran lunga inferiori rispetto ai velivoli convenzionali, elicotteri pilotati, permettendo missioni H24, alternando più velivoli sulla stessa missione e non mettendo a rischio l'equipaggio che, come detto, si trova a terra e non a bordo".

Il "drone", simile a un aeromodello, è stato pensato per le esigenze di Carabinieri Forestali e Vigili del Fuoco; può essere dotato di sofisticati sensori, videocamere ottiche e a infrarossi e di un mini-radar, lo "SkySAR", per operazioni di Ricerca e soccorso, anche in condizioni di scarsa visibilità, a causa del fumo e di notte.

Sviluppato nel corso degli anni da un primo prototipo dell'X25, il "Rapier" ha un peso massimo tra i 25 e i 30 kg (in base alla configurazione), un range operativo di 80 km a 4mila metri d'altezza e un autonomia da 6 a 16 ore, a seconda della missione e dei sensori imbarcati.

Decolla grazie a una catapulta; a differenza dei più diffusi multirotori, l'ala fissa consente di avere una più elevata velocità di crociera e una maggiore autonomia chilometrica. Al termine della missione, atterra in automatico, appeso a un paracadute su dei grossi airbag. Il velivolo è già usato dall'Aeronautica militare italiana che ha acquistato 2 esemplari, per missioni di sorveglianza e intelligence.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti