Lunedì, 20 Settembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

In Madagascar carestia e siccità, il villaggio degli zoombie

Dove la vita è ridotta ad alcune sagome emaciate

23 Luglio 2021

Milano, 23 lug. (askanews) - Nella regione di Anosy, terribilmente colpita dalla carestia, nell'estremo Sud del Madagascar, il villaggio di Vohitelo è uno di quelli definiti tristemente "villaggio zombie", dove la vita è ridotta ad alcune sagome emaciate che sembrano aspettare la morte.

La rarità delle piogge per diversi anni consecutivi ha reso impossibile l'agricoltura. E le tempeste di sabbia hanno trasformato vaste distese di terra arabile in deserto.

Carestia ma anche inquinamento e siccità. Su Twitter, la presidenza del Madagascar ha annunciato il lancio di "141 progetti importanti" nei settori agricoli, accesso all'acqua, alle opere pubbliche e alla salute.

I referenti politici dicono che finora si sono portati aiuti umanitari, ma ora si vogliono progressi strutturali, specialmente in termini di irrigazione.

La carestia è il risultato principalmente del riscaldamento globale. Non c'è industria in Madagascar che possa davvero inquinare così tanto, eppure ci sono tutti gli effetti che portano la natura a degradarsi e non permettere alle persone di produrre abbastanza da nutrirsi.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti