Venerdì, 21 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Dahua porta l'AI al servizio della video sorveglianza

Totaro: proteggere persone e loro dati, nel rispetto per privacy

22 Giugno 2021

Milano, 18 giu. (askanews) - Intelligenza artificiale al servizio della video sorveglianza, per rendere le immagini più efficienti e per tenere al sicuro i dati degli utenti. Dahua, multinazionale che produce sistemi di sicurezza integrata, punta forte sull'innovazione tecnologica: per la ricerca e lo sviluppo di soluzioni high-tech viene destinato il 10% del fatturato annuale e su 14mila dipendenti nel mondo la società può contare su un team di 6mila ingegneri. In Italia lavorano per Dahua circa 80 persone, racconta il General manager italiano, Pasquale Totaro.

"La tecnologia non è una cosa statica, la tecnologia si evolve in funzione delle esigenze. Il fatto di poter utilizzare un sistema di intelligenza artificiale rende il sistema più autonomo ed efficiente: un uomo si può distrarre invece l'intelligenza artificiale una volta istruita non può sbagliare, anche perché è sempre attenta. Non ha un momento di distrazione. Sfruttare un apparato con tutte le sue potenzialità per prevenire adesso si può fare".

Mantenere tutto sotto controllo, usare i termo scanner per misurare in presa diretta la temperatura delle persone e monitorare assembramenti in luoghi a rischio. Tutto nel rispetto delle norme europee sulla privacy. "Io non posso pensare di proteggere una persona senza pensare di proteggere i suoi dati. Sono due cose unite, non posso pensare di scindere una dall'altra. Noi siamo molto focalizzati, c'è massimo rispetto per la persona e la sua privacy. Anche perché è una cosa fluttuante: preso l'oggetto, testato, cancellato il dato. Tutto questo ci permette di essere compliant con il Gdpr. Il nostro scopo non è catalogare informazioni, ma prevenire situazioni pericolose per le persone sono due cose che devono per forza coesistere. E per noi è di fondamentale importanza che tutti gli apparati montino firmware certificati da Dahua che non possano in nessun modo attaccare la sicurezza dei nostri apparati". Per questo Dahua investe per fermare le importazioni parallele dei suoi prodotti che non garantiscono gli standard di sicurezza auto-imposti dalla stessa multinazionale tech.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti