Martedì, 21 Settembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Apple annuncia più privacy e un nuovo FaceTime a WWDC 2021

Sarà possibile tenere carte d'identità nel wallet

08 Giugno 2021

Milano, 8 giu. (askanews) - Tante novità introdotte da Apple al WWDC 2021, la sua convention annuale degli sviluppatori. Apple ha annunciato nuove caratteristiche del sistema operativo iOS 15, che sarà pronto in autunno, dedicate a un mondo post-pandemico, tra cui un aggiornamento delle chiamate video FaceTime e chiavi digitali per l'Apple Wallet.

FaceTime cambierà per fare maggiore concorrenza alle varie app di chiamate collettive: gli utenti potranno seguire film o ascoltare musica insieme e potranno vedere i volti di tutti i partecipanti alle videochiamata. Inoltre gli utenti di Android e Windows potranno accedere a FaceTime, finora dedicata esclusivamente ai possessori di device Apple.

Inoltre il wallet di Apple verrà aggiornato per consentire agli utenti di aprire tutto con le chiavi digitali della app, dalla porta di casa a quella della camera d'albergo. Nel portafoglio digitale potranno essere conservati i documenti d'identità e le patenti, mentre già oggi alcune auto consentono di sbloccare le portiere dei loro veicoli dal wallet.

Per chi, durante la pandemia ma anche prima ha scoperto di voler passare la sua vita incollato allo schermo del cellulare, Apple ha introdotto la modalità focus, che consente di scegliere le notifiche che si vogliono ricevere, e da chi, nei vari momenti della giornata. In modalità "lavoro" ad esempio, sarà possibile ricevre notifiche solo da colleghi e da email di lavoro, mentre se le notifiche sono disattivate partiranno automaticamente messaggi di "non disturbare".

Come previsto, Apple alla sua convention ha proseguito sulla linea della difesa a oltranza della privacy, introducendo una serie di nuove modalità di sicurezza tra cui la "protezione della privacy delle mail", che nasconde l'indirizzo ip e la localizzazione degli utenti, in modo che le società che inviano mail non possano collegare queste informazioni con l'attività online del destinatario. Inoltre i mittenti non potranno vedere se il destinatario apre la mail. Anche Siri verrà aggiornata in chiave privacy e non invierà più a un server gli audio da processare, elaborandoli direttamente sull'apparecchio.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti