Lunedì, 14 Giugno 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

"Il divin codino", l'uomo dietro il campione Baggio su Netflix

Dal 26 maggio il film interpretato da Andrea Arcangeli

24 Maggio 2021

Roma 24 mag. (askanews) - "Il divin codino", il film su Netflix dal 26 maggio, non è la glorificazione del campione Roberto Baggio ma è soprattutto la storia di un uomo che sfida se stesso, il proprio destino, che si forgia anche attraverso i propri fallimenti, anche se il mancato rigore nella finale del mondiale del 1994 lo ha un po' segnato. Il film diretto da Letizia Lamartire è interpretato da un bravissimo Andrea Arcangeli, Valentina Bellè, nel ruolo della moglie del calciatore, e Andrea Pennacchi in quello del padre, uomo rigido e di poche parole con cui Baggio ha avuto un rapporto di grande amore ma molto complesso. La regista e l'interprete raccontano il loro incontro con il campione:

"Ero veramente preoccupata, a prescindere dal film, che comunque era un film complesso e difficile, ma cosa pensasse lui, quindi quando l'ho incontrato la prima volta e lui m i ha accolta, ma davvero, in quello che è il progetto che riguarda la sua vita, da lì in poi è stato tutto più semplice. E poi la parte finale, quando abbiamo visto il film insieme, devo dire che è stato veramente commovente".

"Ricordo questo momento un po' catartico in cui ci siamo visti, ci siamo guardati, io cercavo qualcosa di me in lui, e lui cercava qualcosa di lui in me. E poi è stato bello alla fine capire che eravamo entrambi in imbarazzo, e questa è la qualità più grande di Roberto, perché lui è sempre umile, sempre semplice".

Il calciatore e sue moglie hanno raccontato con semplicità la loro storia e sono stati spesso sul set. Nel film emerge la lotta di Baggio contro le avversità, gli incidenti, sempre supportato dalla sua fede nel Buddhismo e dal legame con le radici.

"Abbiamo sviscerato quelli che sono i momenti più dolorosi, sicuramente, della carriera di Roberto, ma anche sono momenti di svolta, perché da lì ha incontrato il buddismo, c'è stato sempre un cadere e rialzarsi continuamente. E' quello che poi l'ha reso, agli occhi della gente, un vero e proprio eroe, ma un eroe di tutti".

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti