Domenica, 17 Ottobre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Chi è Dick Cheney, interpretato da Christian Bale in "Vice, l'Uomo nell'ombra"

Christian Bale in "Vice, l'Uomo nell'ombra", ha interpretato Dick Cheney, vicepresidente degli Stati Uniti sotto George W. Bush: chi è stato veramente

09 Ottobre 2021

Rai 3 trasmette in prima serata "Vice, l'Uomo nell'ombra", con Christian Bale che ha interpretato Dick Cheney, vicepresidente degli Stati Uniti sotto George W. Bush: ma chi è stato veramente? Richard Bruce Cheney, detto Dick è un politico statunitense, vicepresidente degli Stati Uniti dal 2001 al 2009 sotto la presidenza di George W. Bush. Ha iniziato la propria carriera politica nel 1975, quando venne nominato dal presidente Ford come capo di gabinetto della Casa Bianca, restando in carica fino al 1977.

Chi è Dick Cheney in "Vice, l'Uomo nell'ombra"

Laureatosi nell'Università del Wyoming nel 1965, Dick Cheney ha incominciato la sua carriera pubblica nel 1969, entrando nel governo guidato da Richard Nixon. Quando Gerald Ford diviene Presidente nell'agosto del 1974, Cheney entra nella sua équipe e viene nominato Assistente aggiunto del Presidente. Nel novembre del 1975 è nominato Assistente del Presidente e Capo di gabinetto della Casa Bianca (il più giovane politico di sempre ad avere tale incarico), carica che mantiene fino alla fine della Presidenza di Ford.

Dal 1989, comincia la sua scalata nel Partito Repubblicano. Dal marzo del 1989 al gennaio del 1993 è segretario alla Difesa nell'amministrazione di George Bush padre. In questa veste gestisce due delle più importanti operazioni militari della storia recente degli Stati Uniti, Just Cause a Panama e Desert Storm in Iraq, guadagnandosi la fama di "falco". Viene poi la presidenza di Bill Clinton, conseguente a una forte avanzata del Partito Democratico e la stella di Cheney sembra tramontare. Dick Cheney si ritira così temporaneamente dalla politica. Questo fino al 2000, quando, con una mossa che spiazza la maggior parte dei politologi americani, George W. Bush lo sceglie come proprio vicepresidente nella corsa verso la Casa Bianca. Il 20 gennaio 2001 diventa il 46º vicepresidente degli Stati Uniti. Il 29 giugno 2002, con Bush impegnato in una colonscopia, Cheney assume temporaneamente le funzioni di presidente grazie al 25º emendamento.

Confermato da Bush al termine della Convention repubblicana del 2004, nel 2005 incomincia il suo secondo mandato come vicepresidente. Il 6 novembre 2007 il deputato Dennis Kucinich ha presentato al Congresso degli Stati Uniti una risoluzione per l'impeachment di Cheney. I motivi di tale risoluzione sono relativi alla manipolazione delle informazioni da parte dei servizi segreti per stabilire un legame tra Iraq e al Qaida e giustificare in tal modo la successiva guerra. La mozione ha trovato nel tempo l'appoggio solo di altri ventisei deputati, decadendo con lo spirare della carica nel gennaio del 2009.

Dick Cheney, le accuse di stupro e il "piano per Afghanistan e Iraq"

Nel luglio 2009, l'ex direttore della CIA Leon Panetta ha rivelato ufficialmente l'esistenza di un "programma contro il terrorismo" semi-clandestino, consistito in un ordine di Cheney per tenere nascoste - al Congresso e in generale agli organi parlamentari di controllo sui "servizi" - alcune controverse modalità della cosiddetta guerra al terrorismo. Il 7 maggio 2016, di fronte all'inarrestabile avanzata alle primarie repubblicane, ha deciso di sostenere ufficialmente il miliardario Donald Trump. In quanto ex vicepresidente, si tratta di uno dei più importanti esponenti del Partito Repubblicano ad appoggiare direttamente la nomina di Trump dopo il netto rifiuto dei due ex presidenti Bush e dei nominati repubblicani nel 2008 e 2012, McCain e Romney, ad appoggiarlo. Tuttavia non ha preso parte alla Convention Repubblicana del 2016.

Dick viene spesso citato nel libro Trance Formation of America di Cathy O'Brien quale cinico e spregiudicato violentatore. La scrittrice afferma di essere stata sottoposta alla forma di condizionamento mentale denominato progetto MKULTRA, del quale Cheney era a conoscenza, che venne usato al fine di violentare ripetutamente la O'Brien.

Vice - L'uomo nell'ombra, trama, cast, trailer: Video

Vice - L'uomo nell'ombra (Vice), trasmesso in prima serata sui Rai 3 sabato 9 ottobre, è un film del 2018 scritto e diretto da Adam McKay. La pellicola, con protagonisti Christian Bale, Amy Adams, Steve Carell e Sam Rockwell, segue la storia di Dick Cheney, interpretato da Bale, dalla sua ascesa politica fino al ruolo di vicepresidente degli Stati Uniti d'America. 

La trama è la seguente: da giovane Dick Cheneyè in lotta contro l'alcolismo che lo ha portato a lasciare Yale e dedicarsi a lavori umili. Dopo che l'uomo viene fermato da un poliziotto mentre guida ubriaco, sua moglie Lynne lo convince a ripulirsi. Cheney trova dunque lavoro come stagista alla Casa Bianca durante l'amministrazione Nixon. Lavorando sotto il consulente economico di Nixon, Donald Rumsfeld, diventa un esperto politico, impegnato a destreggiarsi tra impegni con Lynne e le sue due figlie, Liz e Mary. Cheney ascolta Henry Kissinger che discute del bombardamento segreto della Cambogia col presidente Nixon, rivelandogli il vero potere del ramo esecutivo. L'atteggiamento non favorevole di Rumsfeld li porta a essere allontanati da Nixon, evento che si rivelerà un colpo di fortuna per entrambi gli uomini: dopo le dimissioni di Nixon, legate allo scandalo Watergate, Cheney assume la carica di capo di gabinetto della Casa Bianca per il presidente Gerald Ford, mentre Rumsfeld diventa segretario della difesa.

Dopo che Ford termina l'incarico perdendo contro Jimmy Carter nel 1976, Cheney corre per diventare rappresentante per il Wyoming. Dopo aver pronunciato un comizio elettorale imbarazzante, Cheney ha il suo primo infarto. Mentre si riprende, Lynne tiene dei comizi elettorali per conto di suo marito, aiutandolo a ottenere un seggio nella Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti. Durante l'amministrazione Reagan, Cheney sostiene una serie di politiche conservatrici che favoriscono le industrie dei combustibili fossili. In seguito lavora come segretario della difesa sotto il presidente George H. W. Bush durante la guerra del Golfo. Al di fuori della politica, Cheney e Lynne fanno i conti con l'omosessualità della loro figlia minore, Mary. Cheney, sebbene sviluppi ambizioni di candidarsi alla presidenza dopo Bush senior, decide di ritirarsi dalla vita pubblica per risparmiare Mary dall'attenzione dei media.

Durante la presidenza di Bill Clinton, Cheney diventa l'amministratore delegato di Halliburton mentre sua moglie Lynne alleva golden retriever e scrive libri. Un falso epilogo afferma che Cheney ha vissuto il resto della sua vita in modo sano e felice nel settore privato, dopodiché il film continua. Cheney viene infatti invitato a diventare un alleato di George W. Bush durante le elezioni presidenziali del 2000. Riconoscendo che il giovane Bush è più interessato a compiacere suo padre che a raggiungere il potere per sé stesso, Cheney mira a prendere su di sé alcune responsabilità esecutive come politica energetica e politica estera. Come 46º Vicepresidente degli Stati Uniti d'America, Cheney lavora col Segretario della difesa, che torna a essere l'amico Rumsfeld, col consulente legale David Addington e col capo dello staff Scooter Libby per esercitare il controllo delle principali decisioni in materia di politica estera e di difesa.

Dopo gli attacchi dell'11 settembre, Cheney e Rumsfeld determinano le invasioni statunitensi di Afghanistan e Iraq, provocando l'uccisione di civili e la tortura dei prigionieri. Le azioni di Cheney si dimostrano chiave nella decisione di entrare nelle due guerre, che porteranno a migliaia di morti e all'ascesa dello Stato islamico sull'Iraq. Mentre la guerra al terrore sale, Cheney continua a lottare coi propri problemi cardiaci. Il film copre anche vari eventi della sua vicepresidenza, tra cui il suo sostegno alla Teoria Esecutiva Unitaria (una teoria della legge costituzionale americana secondo cui il Presidente possiede il potere di controllare l'intero ramo esecutivo), il CIA-gate, la sparatoria accidentale a Harry Whittington e le tensioni tra le sorelle Cheney sul matrimonio tra persone dello stesso sesso.

Mentre racconta l'addio di Cheney alla sua famiglia dopo un altro ricovero in ospedale, il reduce della guerra in Iraq Kurt viene ucciso in un incidente automobilistico mentre fa jogging. Nel marzo 2012 il suo cuore sano viene trapiantato a Cheney. Pochi mesi dopo Cheney consente a Liz di prendere una posizione pubblica contro il matrimonio omosessuale per ottenere l'elezione alla precedente carica del Congresso di suo padre, portando alla frammentazione della famiglia Cheney.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti