Mercoledì, 19 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Incendi in Algeria oggi, le vittime salgono a 42. Il VIDEO delle fiamme devastanti

Brucia la regione montuosa della Cabilia, a est della capitale Algeri. Tra i morti molti soldati dell'esercito inviati in aiuto

11 Agosto 2021

Si torna a parlare di incendi in questa torrida estate 2021, questa volta in Algeria, dove oggi mercoledì 11 agosto le fiamme continuano a devastare la regione montuosa della Cabilia, a est della capitale Algeri. Le vittime finora confermate sono oltre 40, tra i morti anche 25 soldati che erano stati inviati nell'area per estinguere le fiamme. Su Twitter l'annuncio del primo ministro Ayman Benabderrahamne, nel cordoglio per le famiglie delle vittime. Si presume che alcuni degli incendi siano stati dolosi, così come avvenuto in Calabria e Sardegna.

Incendi in Algeria oggi, le vittime salgono a 42

Oltre 40 persone, tra cui 25 soldati sono morte negli incendi scoppiati nelle scorse ore a est di Algeri, nella regione montuosa della Cabilia. Ad annunciarlo è il primo ministro Ayman Benabderrahamne in un post su Twitter nel quale chiede l'aiuto della comunità internazionale. Aerei ed elicotteri tecnici per estinguere le fiamme, parole di supporto e qualche braccia in più per contenere le fiamme, qualsiasi cosa è ben accetta dall'Algeria per contrastare la devastazione che sta avvenendo in Cabilia. Il bilancio delle vittime è di 42 morti certificate, ma sono i danni ambientali a preoccupare di più. La vegetazione caratteristica della regione racchiude specie tipiche algerine. Addio agli olivi e ai diversi allevamenti che si estendono nella zona, se gli incendi continueranno a diffondersi il conto per l'Algeria sarà molto salato.

Oltre a un ecosistema unico e diversificato, la Cabilia è caratterizzata dalla presenza di diversi villaggi, sparsi in modo disparato tra le montagne rocciose e la vegetazione rigogliosa. In moltissimi hanno dunque dovuto abbandonare le loro case e si stanno dirigendo in luoghi sicuri. Ma con gli incendi non c'è tempo e gli abitanti della Cabilia hanno dovuto lasciare indietro tutto: utensili, effetti personali, anche alcuni animali domestici. C'è però chi non si arrende e tenta di porre fine al disastro utilizzando dei semplici secchi d'acqua per spegnere le fiamme. Si sentono abbandonati, gli abitanti della Cabilia, nonostante l'appello del primo ministro. "Come potete vedere qui il governo non c'è e non sta aiutando", dice un abitante di uno dei villaggi in un video tra i più popolari in circolazione su YouTube.

Incendi in Algeria oggi, le fiamme avvolgono la Cabilia

Oggi sul luogo del disastro il ministro degli Interni algerino, Kamel Beldjoud, giunto per controllare la situazione e portare parole di cordoglio alle vittime degli incendi, che sono 42. Il ministro ha inoltre dichiarato che esiste il sospetto che gli incendi della Cabilia sono dolosi, ma non ha fornito specifiche in merito e non vi sono al momento prove a supporto di questa tesi. Molti ambientalisti credono invece che si tratti dell'ennesimo campanello d'allarme nella critica situazione di emergenza climatica che sta colpendo tutto il mondo. Oltre alla Cabilia infatti anche altre aree a nord dell'Algeria sono state colpite da incendi naturali. La protezione civile locale sta cercando con difficoltà di coprire tutte queste aree, che al momento contano 41 diversi focolai sparsi a nord dell'Algeria.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti