Giovedì, 16 Settembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Andrea Villani: "Francesca Leone alle Gallerie d'Italia, un'interpretazione critica dello spazio, una riflessione sulla città"

"La città di Francesca Leone non è solo archittetonica ma è un palinsesto storico con le sue memorie, i suoi progetti, le sue utopie, e anche quello che questi hanno generato: gli scarti, i rifiuti, le distopie..." L'intervista con Il Giornale d'Italia

09 Settembre 2021

Andrea Villani, curatore della mostra di Francesca Leone 'Ulteriori gradi di libertà, nella città che resiste', inaugurata oggi alle Gallerie d'Italia di Intesa Sanpaolo, ha spiegato: "La mostra di Francesca Leone ha la caratteristica di essere, all'interno della programmazione delle Gallerie d'Italia, estremamente contemporanea proprio perché non è una sommatoria di opere, ma un'interpretazione critica della sala stessa, un'installazione unica composta da varie opere che rileggono l'architettura definita di questa sala solcata da colonne, portando dentro le Gallerie d'Italia la città che è al di fuori. La città di Francesca Leone non è solo architettonica ma è un palinsesto storico con le sue memorie, i suoi progetti, le sue utopie, e anche quello che questi hanno generato: gli scarti, i rifiuti, le distopie che si assommano mentre ' la città sale', direbbe Boccioni.


Per l'artista questa è la città che resiste, dove si deve trovare un compromesso tra progresso e inclusione, condivisione, capacità di recupero e di revenzione. Il titolo viene preso da un'opera di Ugo La Pietra. 'Ulteriori' gradi di libertà perché nella riflessione sulla città Francesca Leone aggiunge ulteriori elementi di necessità e di revisione fantastica e
critica". "Ogni cosa che buttiamo via non viene disintegrata, viene semplicemente posta da qualche altra parte. Una componente fondamnetale nella pratica artistica della Leone è l'attenzione verso ciò che si accumula e a come il suo recupero significhi prendere consapevolezza di tutto ciò che la città oggi è".

Torna all'articolo

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti