Sabato, 29 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Gazebo M5s distrutto dai manifestanti: due indagati. Il VIDEO

Il fatto è avvenuto nella giornata di domenica 29 agosto a Milano

30 Agosto 2021

Iniziano a esserci i primi indagati intorno al caso del gazebo del M5s distrutto dai manifestanti. Il fatto era avvenuto durante la giornata di sabato 29 agosto, quando la manifestazione 'No Green pass' in corso ha affollato la zona della darsena a Milano.

Ora due uomini sono stati identificati e accusati di danneggiamento, manifestazione non autorizzata e attentato contro i diritti politici del cittadino. L’inchiesta è stata aperta dal pm Alberto Nobili, capo del Pool antiterrorismo della Procura milanese, ed è portata avanti dagli agenti della Digos.

Gazebo M5s distrutto dai manifestanti: due indagati. Il VIDEO

Sarebbero sei gli altri uomini denunciati. Con un'età tra i 50 e i 62 anni, sono ora stati identificati non solo per il danneggiamento della struttura, ma anche come promotori del corteo contro il Green pass che, come avvenuto nei sabati precedenti, si è svolto senza il necessario preavviso al Questore di Milano. I due indagati, invece, sono un uomo di 46 anni, con precedenti di polizia per furto, danneggiamento, rissa, porto d’armi od oggetti atti a offendere, ingiuria e altri reati, e una donna di 34 anni.

"Il gazebo del M5S allestito in Darsena a Milano è stato assalito da alcuni manifestanti No Green Pass", ha denunciato sabato il deputato M5s Stefano Buffagni in un post pubblicato sulla sua pagina Facebook. "Ci sono stati attimi di paura e di violenza inspiegabile. Tanto più inspiegabile perché gli autori sono quelli che inneggiano alla libertà, a partire da quella di scelta", ha aggiunto Buffagni. "La violenza va sempre condannata", afferma. "Si tratta di un episodio gravissimo. La mia massima solidarietà ai nostri attivisti, che non hanno risposto alla violenza e alle provocazioni di queste persone. Mi auguro davvero di non dover più assistere a scene i questi tipo, cittadini contro cittadini. La violenza va sempre condannata."

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti