Venerdì, 30 Luglio 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Miami, crollo palazzo: fine alle ricerche, sale il bilancio delle vittime. IL VIDEO

Sospese operazioni di ricerca e salvataggio dei dispersi dopo il crollo del condominio a Miami Beach, incombe l'uragano Elsa

04 Luglio 2021

Le operazioni di ricerca e salvataggio nel condominio crollato di Miami sono state sospese sabato pomeriggio in vista della demolizione pianificata e del possibile arrivo della tempesta tropicale Elsa, ha dichiarato il sindaco della contea di Miami-Dade Daniella Levine Cava.

Nel frattempo, sale il bilancio delle vittime del tragico crollo. Sono 22 le vittime accertate dopo il crollo di un palazzo di 12 piani a nord di Miami Beach, mentre le persone che mancano ancora all'appello sono 126. La demolizione potrebbe già iniziare nella giornata di domenica 4 luglio.

Miami, crollo palazzo: fine alle ricerche, preoccupa l'arrivo della tempesta

La demolizione del complesso condominiale di 12 piani Champlain Towers South a Surfside potrebbe avvenire già domenica, hanno detto i funzionari. "Non abbiamo un momento specifico per la demolizione", ha detto il sindaco della contea di Miami-Dade Daniella Levine Cava. Ma ha detto che i preparativi necessari per la demolizione, inclusa la "perforazione nelle colonne", rendono il sito non sicuro per continuare le ricerche e i soccorsi.

"Ci stiamo muovendo il più rapidamente possibile", ha detto Cava. "Siamo ancora fiduciosi di poter fare la demolizione prima della tempesta". "A partire da questo momento non avremo bisogno di evacuare gli edifici (vicini)", ha detto Cava. I vigili del fuoco hanno affermato che l'edificio sarebbe stato rimosso in modo controllato utilizzando cariche esplosive, non una palla da demolizione o altri metodi. Gli appaltatori stavano ispezionando il sito sabato per elaborare un piano, hanno detto i funzionari.

Sabato scorso, altre due persone sono state trovate morte tra le macerie del condominio crollato, hanno detto i funzionari in una conferenza stampa, portando il totale a 24 morti. Il numero di dispersi o temuti morti è sceso a 121 nella tarda serata di sabato, poiché le operazioni sono proseguite fino al decimo giorno. Il capo dei vigili del fuoco di Miami-Dade Alan Cominsky ha detto ai giornalisti in precedenza che la demolizione di ciò che era rimasto in piedi delle torri doveva avvenire il prima possibile perché si prevede che Elsa raggiungerà la Florida meridionale già lunedì. "Non avremmo alcun controllo su dove atterra", ha detto.
 
Il governatore della Florida Ron DeSantis ha dichiarato lo stato di emergenza per un certo numero di contee del sud della Florida, tra cui Miami-Dade, con la dichiarazione che mette a disposizione delle comunità manodopera aggiuntiva e altre risorse. Alla domanda sulla potenziale demolizione, il presidente Joe Biden ha affermato di non essere stato ancora informato in merito. Il sindaco di Surfside Charles Burkett ha affermato che la tempistica è stata anticipata per la demolizione. "Ovviamente l'edificio è un problema e l'unica soluzione è liberarsene", ha detto.

Miami, crollo palazzo: fine alle ricerche, al via la demolizione

I timori che la restante sezione del complesso fosse pericolosamente instabile hanno anche interrotto gli sforzi di ricerca e soccorso sulla scena per gran parte di giovedì. Nessun sopravvissuto è stato estratto vivo dalle rovine dalle prime ore dopo che la torre è parzialmente crollata su se stessa all'inizio del 24 giugno. Gli investigatori non hanno determinato cosa abbia causato il crollo del complesso di 40 anni. Un rapporto di ingegneria del 2018 ha rilevato carenze strutturali che ora sono al centro di indagini che includono un esame del gran giurì.

Nel frattempo, a tutti i residenti di un altro edificio, Crestview Towers a North Miami Beach, è stato detto venerdì di andarsene subito dopo che gli ingegneri hanno riscontrato seri problemi di cemento ed elettrici, hanno detto i funzionari.i La mossa è stata considerata urgente a causa dell'approccio di Elsa, ha detto il manager della città di North Miami Beach Arthur Sorey, aggiungendo che i proprietari dell'edificio non avevano ancora iniziato un processo di ricertificazione di sicurezza obbligatorio richiesto 40 anni dopo la sua costruzione. "Non è sicuramente una decisione facile", ha detto Sorey. "È la cosa giusta da fare in questi tempi. Non è chiaro cosa accadrà con la tempesta".

Miami, crolla palazzo di 12 piani: gemiti sotto le macerie

Il crollo del palazzo - che si trova a pochi passi dalla spiaggia - è avvenuto intorno alle 2 di notte al numero 8777 di Collins Avenue, a nord dei confini della città di Miami Beach, nella località di Surfside, a sud di Bal Harbour. Non è ancora chiaro però il motivo del crollo. Il primo bilancio indicava almeno 3 morti, ma quello di oggi fa salire il numero a 12. Ancora centinaia di dispersi, tra i quali ci sono una ventina di cittadini israeliani. 

"All'inizio sembrava un lampo o un tuono", ha detto ai giornalisti Cohen, ex vicesindaco di Surfside e residente dell'edificio. "Ma poi è andato avanti, costantemente per almeno 15-30 secondi, ha continuato ad andare avanti e indietro". Cohen ha anche affermato che sul tetto dell'edificio sono in corso lavori di costruzione da più di un mese. I lavori di costruzione erano in corso sul tetto, ha detto, ma non era chiaro se il progetto prevedesse attrezzi pesanti.

La polizia di Miami-Dade ha assunto il controllo delle indagini. Più di 80 unità antincendio e di soccorso hanno risposto, ha scritto giovedì 24 il dipartimento di soccorso antincendio della contea di Miami-Dade in un messaggio Twitter. I testimoni invece hanno riferito: "Sembrava l'11 settembre".

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti