Lunedì, 02 Agosto 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Mondo Rai/Appuntamenti e Novità'

10 Ottobre 2020

Mondo Rai/Appuntamenti e Novità'

Dopo essersi confermato nuovamente leader del prime time anche la scorsa settimana, dagli studi ‘Fabrizio Frizzi’ di Roma nuovo appuntamento con “Tale e Quale Show”, il varietà di Rai1 condotto da Carlo Conti, in onda domani, in diretta a partire dalle ore 21.25. E’ tutto pronto sul palco dello ‘Studio 5’, dove saranno di scena i dieci protagonisti che si metteranno in gioco a suon d’imitazioni mentre la gara si fa sempre più eccitante: ora i punti cominciano a diventare davvero importanti perché tra due settimane sarà proclamato il “Campione di Tale e Quale Show 10”, anche se, come da prassi, il programma andrà avanti per i successivi tre venerdì nel "Torneo" per la conquista del titolo di ‘Campione di Tale e Quale Show 2020’. Vincitore della terza puntata, Pago: la sua performance nelle vesti di Fabrizio Moro, con il brano ‘Portami via’, ha avuto la meglio su Barbara Cola-Adele e Virginio-George Michael. Nella quarta puntata sono previste esibizioni che potrebbero davvero sconvolgere la graduatoria perché i 10 protagonisti dovranno interpretare, cantando dal vivo, sugli arrangiamenti realizzati dal maestro Pinuccio Pirazzoli. Barbara Cola sarà Mina, Francesca Manzini se la vedrà con Loredana Bertè, Carolina Rey si metterà alla prova con Malika Ayane, Carmen Russo avrà le sembianze di Sheila del gruppo Sheila & Black Devotion, Giulia Sol si trasformerà in Christina Aguilera, Sergio Muniz in Miguel Bosé, Francesco Paolantoni vestirà i panni di Tom Jones, Pago proverà a confermarsi con Tony Hadley, Virginio imiterà Giuliano Sangiorgi e Luca Ward onorerà la memoria di Fred Bongusto. Insomma, sarà un nuovo viaggio musicale per ripercorrere 60 anni di musica italiana e internazionale. Tutti e dieci i concorrenti saranno ‘esaminati’ attentamente dalla giuria di ‘Tale e Quale Show’, formata da tre artisti doc: Loretta Goggi, Giorgio Panariello e Vincenzo Salemme. Ci sarà poi, giudice d’eccezione, l’attore Luca Argentero. Gabriele Cirilli, sarà come sempre alle prese con la sua jingle machine. Il regolamento prevede che al termine di ciascuna puntata, grazie alla somma delle due votazioni (quella dei giurati e quella degli stessi protagonisti), venga decretato il vincitore della serata; la classifica generale, data dalla somma dei voti totali, porterà poi all’elezione del vincitore finale. I 10 partecipanti sono seguiti, nell’arco del loro percorso, dai tutor: i “vocal coach” Maria Grazia Fontana, Dada Loi e Matteo Becucci, e la “actor coach” Emanuela Aureli. Non mancheranno, come di consueto, gli ‘imitatori del web’, che potranno mandare alla redazione del programma le proprie ‘originali’ performance: le più divertenti saranno poi mandate in onda. Prodotto da Rai1 in collaborazione con Endemol Shine Italy. La regia è di Maurizio Pagnussat. “Tale e Quale Show” è su Facebook e Twitter con l’hashtag #taleequaleshow. Il sito ufficiale è www.taleequaleshow.rai.it.

Terza puntata del programma “Le Ragazze”, domani su Rai3 alle 21.20, che si apre con una splendida novantaquattrenne: Susanna Egri, ballerina e coreografa, figlia del celebre sportivo Ernst Erbstein, allenatore del Grande Torino scomparso nella tragedia di Superga nel 1949. Pioniera della danza nella televisione italiana, è stata la prima ballerina ad esibirsi, il 3 gennaio 1954, nel corso della prima trasmissione ufficiale della Rai. A seguire si intrecciano i racconti di due donne che sono state ventenni negli anni Sessanta. Rita Dalla Chiesa, nota conduttrice televisiva, figlia del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, assassinato dalla mafia a Palermo nel 1982 e compagna per 15 anni di Fabrizio Frizzi, conosciuto negli studi Rai della trasmissione “Pane e Marmellata”. L’altra è Niella Penso, esule istriana, che con la mamma lasciò Fiume all’età di 4 anni per crescere in un campo profughi in provincia di Ascoli Piceno. La disgregazione della famiglia e il desiderio primario di una casa propria l’accompagneranno in ogni momento della vita. Dopo di loro ci addentriamo negli anni ’90 con la scrittrice Valeria Parrella, che ha conquistato recentemente il terzo posto allo Strega: dall’infanzia a Nocera Inferiore in una cooperativa edilizia fondata da 40 persone tutte iscritte al Partito Comunista – tra cui i suoi genitori – alla scoperta della scrittura. Il suo racconto si interseca con quello di Francesca Di Marco, insegnante fiorentina, che ha partecipato al G8 di Genova nel 2001, dove si trovava per manifestare pacificamente e da cui è tornata segnata nel corpo e nell’anima.In chiusura il racconto della venticinquenne Veronica D’Ascenzo, sopravvissuta al crollo della scuola di San Giuliano di Puglia nel 2002. Aveva solo 7 anni ed è stata estratta dalle macerie dopo 8 ore.

Nel secondo dopoguerra, Milano deve affrontare una difficile ricostruzione. I bombardamenti alleati hanno distrutto case, palazzi, uffici amministrativi, musei. Per il capoluogo lombardo, però, è l’occasione di avviare una rinascita urbanistica e architettonica che, tra gli anni Cinquanta e Sessanta del secolo scorso, cambia il volto della città. Il professor Guido Crainz e Paolo Mieli raccontano la Milano del boom a “Passato e Presente”, in onda domani alle 13.15 su Rai3 e alle 20.30 su Rai Storia. Si costruiscono nuovi quartieri per dare alloggio agli sfollati e per accogliere il grande flusso di immigrati dalle regioni meridionali. Vengono eretti molti grattacieli, tra cui il Pirelli, che assurge a simbolo del boom. Milano, attraverso un modello di sviluppo imprenditoriale fatto di eccellenze individuali, diventa il volano dell’economia italiana e la cultura - attraverso romanzi, saggi e film - non mancherà di raccontare questi anni eccezionali, mettendone in evidenza luci e ombre.

Archiviare tutto o avere solo il meglio? Fin dai tempi di Tolomeo I e della leggendaria biblioteca d'Alessandria l'uomo è ossessionato dal conservare e rendere accessibili i frutti dell'arte e dell'ingegno che si sono accumulati nei secoli della sua storia. Demonizzati come regni di polvere, abbandono e negligenza più o meno colpevole, i depositi delle grandi gallerie d'arte e dei musei del mondo nascondono un patrimonio culturale sterminato e segreto. "Il deposito è il respiro e il futuro del museo - dice Sylvain Bellenger, direttore del Museo e Real Bosco di Capodimonte - Quando non il suo inconscio". L’arte nascosta e i problemi di conservazione e catalogazione sono al centro della nuova puntata di “Terza Pagina”, il talk culturale condotto da Licia Troisi, in onda domani alle 23.35 su Rai5. Intervengono Alessandro Masi, segretario generale della Società Dante Alighieri, Emanuele Bevilacqua, docente universitario e giornalista, Federica Gentile, autrice e conduttrice radiotelevisiva, Antonio Manfredi, scriptor latinus della Biblioteca Apostolica Vaticana, Antonio Monda da New York e Arnaldo Colasanti con la consueta rubrica "Dritto e Rovescio".

Il celebre sequel de “La marcia dei pinguini”, “Il Richiamo”, è il doc di Rai Documentari in onda domani alle 23 su Rai2, per sensibilizzare gli spettatori sulle tematiche del rispetto e della conservazione del Pianeta.Un’avventura firmata Luc Jacquet, scienziato e documentarista francese, narrata da Pif, alla scoperta dell’Antartide: protagonista è un giovane pinguino che intraprende il suo primo viaggio insieme ai propri simili per una destinazione sconosciuta, guidato solo dall’istinto.

Il cinema è un sogno fatto a occhi aperti: basta questa definizione, più volte testimoniata dai capolavori dei grandi registi, come Fellini o Kubrick, per stabilire un legame profondo tra il grande schermo e la psicoanalisi. Nella puntata di “Quante Storie”, in onda domani, alle 12.45 su Rai3, lo psicoanalista e poeta Vittorio Lingiardi racconta a Giorgio Zanchini il suo rapporto con il cinema e analizza i significati profondi di capolavori come "La finestra sul cortile", di Alfred Hitchcock, e "Jules e Jim", di Francois Truffaut.

Raccogliere il testimone da Liliana Segre e ringraziarla per il suo infaticabile impegno e il suo messaggio di pace è lo scopo dell’evento “Grazie Liliana!”, che verra’ trasmesso in diretta domani alle 10.00 su Rai3 e di cui il Servizio Pubblico è media partner. Nel borgo medioevale di Rondine Cittadella della Pace, ad Arezzo, la Senatrice a vita offrirà una sua testimonianza, l’ultima pubblica secondo le sue intenzioni, alle scuole italiane e ai giovani del mondo, sottolineando, ancora una volta, l’importanza della memoria come strumento efficace contro l’indifferenza. L’evento, condotto da Ferruccio De Bortoli, editorialista del Corriere della Sera, che concluderà il trentennale impegno di Liliana Segre come testimone della Shoah ed è stato ideato dal Comitato Promotore dell’evento per Liliana Segre, di cui Rondine Cittadella della Pace è capofila insieme al Ministero dell’Istruzione, e al partner di progetto Fondazione Cr Firenze, con il patrocinio e il contributo della Regione Toscana. Una scaletta densa di appuntamenti quella di venerdì che si apre con l’inaugurazione dell’Arena di Janine, uno spazio intitolato alla giovane amica che la Senatrice non riuscì a salutare prima di essere condotta nella camera a gas ad Auschwitz. Il testimone del messaggio di pace e di superamento dell’odio verrà poi consegnato idealmente ai giovani, rappresentati per l’occasione dai ragazzi di Rondine, sede dell’organizzazione internazionale impegnata da oltre vent’anni nella formazione di leader di pace. Durante la giornata, alla Senatrice verrà consegnata la copia anastatica della prima edizione della Costituzione Italiana, donata dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, da parte della Ministra Lucia Azzolina, in virtù dell’impegno del Ministero dell’Istruzione di farsi promotore del messaggio della Segre attraverso la scuola. Per l’occasione, alla Segre porteranno i saluti la Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, il Presidente della Camera dei Deputati, Roberto Fico e il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Nel corso dell’evento sono previsti gli interventi, tra gli altri, di Gaetano Manfredi, ministro dell’Università e della Ricerca, Noemi Di Segni, Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, Luigi Di Maio, ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione, Luciana Lamorgese, ministra dell’Interno e del Cardinale Gualtiero Bassetti, Presidente della Conferenza Episcopale Italiana. “Grazie Liliana!” sarà trasmesso in diretta su Rai3 e in streaming sui canali ufficiali e sui profili social del Ministero dell’Istruzione, impegnato nel farsi promotore del messaggio attraverso la scuola, in modo da permettere agli oltre otto milioni di studenti di ascoltare il discorso di Liliana Segre e di partecipare con pensieri e riflessioni, proiettati durante l’incontro. La testimonianza sarà seguita dal lancio del bando di concorso “Voltati, Janine vive!”, promosso dal Ministero dell’Istruzione insieme a Rondine Cittadella della Pace, con l’obiettivo di educare le nuove generazioni al rispetto delle differenze contro ogni forma di violenza e discriminazione, vero fulcro della testimonianza di Liliana Segre.

Su Rai RadioLive, prosegue per la quarta stagione consecutiva, il programma “10 passi nella storia”, che vuole ripercorrere per gli ascoltatori i tanti e affascinanti cammini che attraversano il nostro Paese. Domani, alle 12:00, Tiziana Iannarelli racconterà i 55 chilometri di Kalabria Coast to Coast: un itinerario da vivere a passo lento tra distese di ulivi secolari, filari di vite, campi di grano e fichi d’ india, boschi di castagni e faggi centenari, e la magnifica oasi naturalistica del lago Angitola. Dalle bianche spiagge ioniche della Costa degli Aranci, partendo da Soverato e attraversando il territorio montano delle Preserre Calabre nel loro tratto più breve, passando per i suggestivi borghi di Petrizzi, San Vito sullo Ionio e Monterosso Calabro, il Cammino Kalabria Coast to Coast, giunge fino alla pittoresca Pizzo, arroccata su uno sperone tufaceo che si erge a picco sulle dorate spiagge tirreniche della Costa degli Dei.La Calabria di “10 passi nella storia” si ascolta al link www.radiolive.rai.it, oppure su tutti i device digitali.

Decimo appuntamento, domani, alle 14.40, con la “La Banda dei FuoriClasse”, in diretta su Rai Gulp (canale 42 del digitale terrestre) e su RaiPlay. Un'edizione che offre un doposcuola per gli studenti della scuola primaria e secondaria inferiore. Il capobanda Mario Acampa dà il benvenuto al nuovo maestro Damiano Matteucci, che entra ufficialmente nella banda di insegnanti del programma. Si parlerà di metro come unità di misura, ma anche delle metropolitane del mondo. Le ricette di Arturo e Kiwi faranno da antipasto ai giochi per allenare la mente del ludomastro Carlo Carzan, che termina il suo corso settimanale con nuovi e curiosissimi esercizi. Non mancheranno anche gli omini frittella di Fumbleland per ripassare l’inglese, la Spagna raccontata dal documentario del programma Kilimangiaro e la lezione di coding di Jessica Redeghieri. Mariangela De Luca torna con il proverbio della settimana. I ragazzi possono scrivere alla redazione attraverso Instagram (@rai_gulp), Facebook (https://www.facebook.com/RaiGulp/) e Twitter (@RaiGulp).

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x