Lunedì, 20 Settembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Mondo Rai/Appuntamenti e Novità'

09 Ottobre 2020

Mondo Rai/Appuntamenti e Novità'

Tre partite in undici giorni, per recuperare tempo prezioso in vista dell’Europeo del prossimo anno. Per questo il doppio impegno di Nations League, contro la Polonia l’11 ottobre a Danzica e contro l’Olanda il 14 a Bergamo, sarà preceduto, domani dal match amichevole contro la Moldova, in programma allo stadio Franchi di Firenze alle 20.45. L'Italia di Mancini, imbattuta da 16 partite e in gol da 13, con 40 reti segnate, scenderà in campo con diverse novità, soprattutto in mezzo al campo, mentre in avanti il Ct, complice l'infortunio di Insigne, continuerà con l'alternanza tra il laziale Immobile e il granata Belotti, che con 5 gol all'attivo è il miglior marcatore azzurro dell' "era Mancio". Italia-Moldova sarà trasmessa in diretta su Rai1 a partire dalle 20.35, subito dopo il Tg1, con la telecronaca di Alberto Rimedio e Antonio Di Gennaro, e le interviste e gli interventi a bordo campo di Alessandro Antinelli e Aurelio Capaldi. In studio al Franchi, invece, Marco Lollobrigida e Claudio Marchisio.

“È lui, lo avete trovato!”, così la mamma di Luigi Celentano, conosciuto come “Gigino Wifi”, nella sua testimonianza a “Chi l’ha visto?” che sarà proposta domani alle 21.20, in onda in diretta su Rai3. Il ragazzo era scomparso da Meta di Sorrento di notte, dopo aver detto di essere seguito e di avere paura. Una storia misteriosa che potrebbe avere un lieto fine: infatti la madre ha riconosciuto il figlio in una delle foto segnalate dai telespettatori. In studio anche la sorella di Rina Pennetti, scomparsa dopo essere entrata in un negozio di parrucchiera. Di lei è rimasta solo la borsa ritrovata per terra con tutti i suoi oggetti, compresi i documenti. E poi naturalmente gli appelli, le richieste di aiuto e le segnalazioni di persone in difficoltà.

L’Italia del post emergenza alle prese con una delle più gravi crisi economiche della sua storia e che deve trovare il modo di “ricominciare”, ispira il titolo del nuovo programma di Rai2, “Restart”. In onda da domani ogni mercoledì in seconda serata, alle 23.25, scritto da Alessandro Sortino e Annalisa Bruchi e condotto da Annalisa Bruchi con Aldo Cazzullo. Un appuntamento per approfondire, con un linguaggio semplice temi economici complessi e spesso indecifrabili, che hanno tuttavia un impatto fondamentale nella vita di ciascuno di noi. Al racconto della crisi si affianca il racconto delle forze positive, della creatività e del coraggio che anima il Paese, per restituire in un momento così difficile la fiducia necessaria per ricominciare. Nella prima puntata, tra gli ospiti di Annalisa Bruchi, il ministro dell’economia Roberto Gualtieri. Al centro tasse, Recovery fund e Bonus. Nella pagina dedicata al lavoro, l’impresa che soffre e quella che ce la fa. Poi il viaggio allucinante nella realtà della crisi del commercio a Roma, nel post lockdown. Negozianti sull’orlo del fallimento si rivolgono sempre di più agli usurai e la mafia organizzata, attraverso la leva finanziaria, si impossessa dell’economia della capitale. In studio, politici, economisti, imprenditori ed esperti, a cui verranno proposti servizi, inchieste e testimonianze che invocano risposte. A rendere chiara e intellegibile la giungla dei numeri, il professor Carlo D’Ippoliti dell’Università La Sapienza, mentre il professore commercialista Giancarlo Timpone spiegherà al pubblico ciò che entra ed esce dalle nostre tasche: tasse, bonus, mutui, incentivi. Grande spazio per il tema del lavoro: chi ce l’ha, chi l’ha perso, chi aspetta la cassa integrazione. Chi è riuscito a resistere o addirittura a reinventarsi; i nuovi lavori o quelli ormai destinati a scomparire. Voce ai protagonisti che racconteranno le loro storie, perché, come dice il sottotitolo del programma, “L’Italia ricomincia da te”. Nella squadra di Restart avrà un ruolo di primo piano l’editorialista e scrittore Aldo Cazzullo, autore della lettera indirizzata a personaggi della politica, dell’economia o della società per sollecitare la loro attenzione su storie che hanno bisogno di essere ascoltate.

Matteo Salvini, segretario della Lega, sarà ospite domani su Rai1 alle 23.05 di “Porta a Porta”, intervistato da Bruno Vespa.

Terzo appuntamento con “Mare Fuori”, storie di ragazzi che “sbagliano” ospiti dell’Istituto di Pena Minorile di Napoli, tra minacce, amori, fughe, risse, cadute all’inferno e improvvise resurrezioni, in onda in prima visione su Rai2 domani alle 21.20. Una coproduzione Rai Fiction — Picomedia, prodotta da Roberto Sessa, per la regia di Carmine Elia con Carolina Crescentini, Carmine Recano, Valentina Romani, Nicolas Maupas, Massimiliano Caiazzo, Giacomo Giorgio, Ar Tem, Vincenzo Ferrera, Antonio De Matteo e Anna Ammirati. Nel primo episodio dal titolo La vendetta per guarire, Gemma, una ragazza di Rimini, subisce abitualmente violenza dal fidanzato, ma quando la sorella diventa lei stessa una vittima per difenderla, a Gemma la vendetta sembra l’unico modo per guarire da quell’amore malato. La vendetta è anche quella che medita Filippo, che non si rassegna ai soprusi a cui lo sottopone Pino. Ora ha un’arma e ha tutte le intenzioni di usarla in sua difesa. Carmine, invece, è rinato dopo la notizia che presto diventerà padre. Non può perdere la speranza perché ha un motivo per cui lottare. Su Carmine però pende ancora la minaccia di una vendetta dei Valletta. La direttrice nel frattempo viene informata della sparizione della lametta rubata da Filippo e sospende sia i permessi che le attività ricreative. Questo alimenta la rabbia tra i detenuti che pensano sia Carmine il responsabile. Nel secondo episodio intitolato L’Appartenenza, Edoardo esce per un permesso. Filippo consegna la lametta alla direttrice, ma Paola non riesce a fargli rivelare da chi voleva difendersi. Ciro apprende che a rubare la lametta è stato Filippo. Pino gli vuole dare una lezione, ma Ciro sembra avere altro in mente per il Chiattillo. Filippo abbocca all’amo lanciato da Ciro e accetta la sua protezione. Carmine lo mette in guardia: l’amicizia che Ciro gli sta offrendo si chiama “appartenenza” al “sistema”: si è in debito per ogni favore ricevuto. Carmine ha ragione e infatti Ciro chiede a Filippo una prova di coraggio per ottenerne la protezione. Intanto Gemma entra nel femminile e Viola inizia a circuirla con la sua arte manipolatoria…

Alla vigilia del primo conflitto mondiale la cultura dell’irrazionalismo e del vitalismo aveva preparato gli animi alla guerra e, comunque, alla contestazione della società tradizionale e dei suoi valori. Lo racconta “1919-1922. Cento anni dopo”, in onda domani alle 21.10 su Rai Storia. Georges Sorel con le "Considerazioni sulla violenza" e la mitizzazione dello sciopero generale, i nazionalisti di Enrico Corradini con la teorizzazione della lotta fra le nazioni in sostituzione della lotta di classe, la polemica contro il “passatismo” dei futuristi di Filippo Tommaso Marinetti erano stati tutti fattori di destabilizzazione del sistema culturale e politico. Le cosiddette avanguardie artistiche avevano messo in discussione i canoni dell’estetica tradizionale. Le “serate futuriste”, in particolare, avevano coinvolto letterati e artisti di varia provenienza. Nel dopoguerra, mentre il futurismo veste sempre più gli abiti della politica, in campo artistico e culturale si registra una sorta di “ritorno all’ordine”, che trova riscontro nella pittura metafisica e in riviste come “La Ronda” e “Valori Plastici”. La critica d’arte Margherita Sarfatti, amante e stretta collaboratrice di Mussolini, è la coordinatrice del gruppo dei sei pittori del Novecento Italiano e gestisce la politica artistica del fascismo fin dalla nascita del movimento. Collabora, infatti, con Il Popolo d’Italia e soprattutto diventa direttrice di “Gerarchia”, la rivista teorica del fascismo fondata da Mussolini nel 1919. Nel complesso si assiste ad una proliferazione di riviste ideologiche di vario orientamento - dal nazionalista “Politica” al comunista “L’Ordine Nuovo”, passando per “La Rivoluzione Liberale” di Piero Gobetti e “La critica politica” del repubblicano Oliviero Zuccarini - che alimentano il dibattito politico.

Un prezioso dono della natura che si trova in Finlandia ed è il quarto più grande lago d’acqua dolce d’Europa: il nuovo episodio della serie “Il cielo, la terra, l’uomo. Nell’incanto del grande Nord”, in onda domani alle 15.00 su Rai5, racconta il lago Saimaa e il suo parco. Abitante d’eccezione di questo specchio d’acqua, che comprende 15 mila chilometri di costa, è la rara foca del Saimaa, considerata una delle specie di foca a maggior rischio di estinzione.

Nella puntata di Elisir, il programma di medicina condotto da Michele Mirabella e Benedetta Rinaldi, in onda domani, alle 11 su Rai3, si parlerà di naso chiuso e di cosa fare quando non è legato ad un raffreddore. In studio sarà presente il professor Corrado Borsi, responsabile dei Servizi di Otorinolaringoiatria dell’Istituto Auxologico di Milano. Nella seconda parte verrà spiegata qual è la postura giusta da tenere per non danneggiare il nostro corpo. A parlarne sarà il professor Pino Capua, direttore del Servizio di Medicina e Traumatologia dello Sport all’Ospedale San Camillo di Roma. Gli aceti saranno l’argomento dello spazio legato al benessere con la professoressa Tiziana Stallone, Nutrizionista e Biologa all’Università Tor Vergata di Roma.

Una commedia romantica, divertente e commovente, ricca di idee e battute sulla diversità culturale, i matrimoni combinati e le reazioni delle rispettive famiglie. È il film “The big sick - Il matrimonio si può evitare… l’amore no”, in onda domani alle 21.10 su Rai Movie (canale 24). Basato sulla vera storia degli sceneggiatori del film e coppia nella vita, la pellicola racconta di Kumail, un giovane comico pakistano che guida per Uber e si esibisce la notte con il suo one-man-show sulle sue origini. I suoi genitori, immigrati musulmani, fissano incontri tra il figlio e donne pakistane, sperando che lui segua il loro esempio con un matrimonio combinato. Durante uno spettacolo Kumail conosce Emily, una donna bianca non musulmana. Il loro incontro casuale si trasforma in una “complicata” relazione. Diretto da Michael Showalter, con Kumail Nanjiani, Zoe Kazan, Holly Hunter, Ray Romano, Anupam Kher e Zenobia Shroff.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x