Domenica, 13 Giugno 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Mondo Rai/appuntamenti e novità

28 Agosto 2020

Mondo Rai/appuntamenti e novità

La proposta in prima visione tv di Rai1, domani alle 21.25, è il film francese di Franck Dubosc “Tutti in piedi” con Alexandra Lamy, Caroline Angiade, Claude Brasseur. Jocelyn, imprenditore di successo, è un instancabile viveur, bugiardo incorreggibile, costantemente alla ricerca di nuove conquiste femminili. Per ottenere il favore della bella Julie, terapista per disabili, finge di essere costretto sulla sedia a rotelle. Ma la sua “preda” ha una sorella davvero paraplegica, così li fa conoscere e le cose non saranno più come prima per Jocelyn...

Un thriller in prima visione assoluta è la proposta di Rai2 per domani alle 21.20: “Mai fidarsi del mio vicino”, di David DeCoteau, con Vivica A. Fox, Calli Taylor, Travis Burns, Alexandra Scott, Meredith Thomas.Quando Katie finisce agli arresti domiciliari per la sua cattiva condotta a scuola, conosce e si innamora di John, un attraente ragazzo che da poco si è trasferito nella casa di fronte. Col passare del tempo la giovane inizia a pensare che John stia nascondendo qualcosa e coinvolge nelle ricerche la sua migliore amica Samantha per andare a fondo e scoprire la verità.

Basato sull’omonimo fumetto franco-belga disegnato da Philippe Francq, a sua volta ispirato alla saga di romanzi scritti da Jean Van Hamme tra gli anni ‘70 e ’80, il film “Largo Winch” sarà proposto domani alle 21.20 su Rai4. La regia è firmata dall’acclamato sceneggiatore/regista Jérôme Salle mentre nel ruolo del celebre fuggiasco Largo Winch c’è Tomer Sisley. Figlio adottivo di un facoltoso benefattore, Largo Winch si trova coinvolto in un’oscura storia quando suo padre viene trovato assassinato. Fuggito dal carcere sudamericano in cui era rinchiuso, il giovane deve fare chiarezza sulla morte del genitore e vendicarlo.

Domani alle 21.20, Rai3 trasmette la commedia "Miami beach" di Carlo Vanzina con Ricky Memphis e Giampaolo Morelli. Miami è la meta più ambita dai giovani italiani. E’ lì, infatti, che vanno a studiare all’università Luca, romano, figlio di Giovanni e Valentina, milanese, figlia di Olivia. Durante il viaggio in aereo da Roma a Miami, Olivia e Giovanni litigano furiosamente. I loro figli ancora non sanno che si ritroveranno insieme nella stessa università. A Miami arriva anche Giulia insieme a delle sue amiche coetanee di 17 anni. Sono venute qui per assistere ad un concerto dei deejay più importanti del mondo. C’è un problema però: Giulia doveva andare in vacanza con suo padre Lorenzo ma è scappata lasciandolo all’aeroporto di Roma, disperato. Lorenzo decide di andare a cercarla a Miami ma non sa dov’è, non parla inglese e non conosce la città. Si farà aiutare nella sua ricerca da un giovane perdigiorno italiano, Bobo, studente fuoricorso con il quale scoprirà la vita dei giovani in quella grande metropoli. Giulia intanto s’invaghisce di Filippo, più grande di lei, un italiano immobiliarista e sciupafemmine al quale farà credere di essere molto più grande di quello che è...

Rai2, domani in seconda serata alle 23.00, trasmette il Concertone più amato, atteso e celebre del Bel paese, “La notte della Taranta”, dal suggestivo scenario naturale dell’ex Convento degli Agostiniani a Melpignano (LE). Un’edizione straordinaria condotta da Sergio Rubini che metterà in connessione la piazza di Melpignano, rigorosamente senza pubblico, con le straordinarie immagini delle meraviglie di Puglia, come Montesantangelo, Bari e Gallipoli. Nato nel 1998, il Concertone di Melpignano, è un progetto culturale della Fondazione La Notte della Taranta che da 23 anni diffonde e valorizza la pizzica nel mondo. Il maestro Paolo Buonvino dirigerà l’Orchestra Popolare della Taranta e l’Orchestra Roma Sinfonietta. Dopo 16 anni dalla sua prima apparizione torna la regina italiana del rock Gianna Nannini. Indimenticabile la sua performance sul palco del Concertone nel 2004, quando con Fimmene Fimmene regalò, con la sua voce inconfondibile e con tutta la sua grinta, una versione straordinaria del brano di repertorio della tradizione popolare salentina. Tra i super ospiti della serata anche il vincitore del festival di Sanremo il pugliese Diodato e Mamhmood. Non mancherà la danza con le coreografie dell’artista Sharon Eyal e la partecipazione del ballerino Darren Devaney. La regia della serata è affidata a Cristiano D’Alisera, il progetto scenografico è di Giancarlo Sforza, e il direttore della fotografia è Marco Lucarelli.

Dagli anni della costruzione del Muro di Berlino nel 1961, fino all’abbattimento il 9 novembre 1989. Un viaggio tra passato e presente: quali ricordi persistono di quell’esperienza della divisione? Le parole, i volti, i luoghi di quella stagione danno vita a “L’ombra del muro”, un documentario in due parti, ideato e diretto da Francesco Conversano e Nene Grignaffini, in onda domani e venerdì 4 settembre alle 22.10 su Rai Storia. L’avvicendarsi di immagini di quello che resta oggi con immagini del passato contribuisce a ridare forma immaginaria a quel dramma. In veste di consulente storico-scientifico, il giornalista Stefano Vastano, firma de “L’Espresso”, che da più di trent’anni vive e lavora a Berlino. Il cuore della prima parte del documentario, dal titolo “Vite recluse”, ruota intorno al sistema carcerario della Ddr, in particolare le carceri di Bautzen in Sassonia e di Cottbus nel Brandeburgo. E qui si intrecciano immagini e racconti: quelli di Sven Riesel (storico e vicedirettore del carcere di Bautzen) e quelli di Georg Kanig (ex dipendente delle ferrovie e attivista di Neues Forum). E ci sono anche le memorie dell’attore Jochen Stern, di Manfred Matthies e di Gilbert Furian che hanno trascorso, come dissidenti politici, parte della loro vita nelle carceri della Ddr.

Sono Leonardo Di Caprio e Daniel Day-Lewis i protagonisti del film diretto da Martin Scorsese, “Gangs of New York” proposto venerdì 28 agosto alle 21.10 su Rai Movie (canale 24 del digitale terrestre). A New York, nella seconda metà del XIX secolo, varie bande lottano per spartirsi il territorio e la gestione degli affari illeciti nella zona dei “Five Points”. In questo contesto si sfidano due bande, gli irlandesi cattolici “Conigli morti”, guidati dal giovane Amsterdam Vallon, e i protestanti nazionalisti “Nativi americani”, condotti dallo spietato Bill Poole chiamato il “macellaio”. Amsterdam vuole a tutti i costi vendicare la morte del padre, assassinato da Poole tempo prima. Il film è stato girato interamente negli studi di Cinecittà di Roma e, nel 2003, ottenne dieci candidature agli Oscar senza vincere nessuna statuetta.

Dalla sconfitta di Hitler alla caduta del Muro di Berlino. Una pagina di storia, europea e mondiale, che si apre e si chiude negli stessi luoghi, e che coincide con l’epoca della cosiddetta Guerra Fredda. È il lungo secondo dopoguerra raccontato dal primo episodio di “Guerra Fredda, la storia”, in onda domani alle 21.10 su Rai Storia. La contrapposizione tra due superpotenze, Stati Uniti e Unione Sovietica, e due blocchi - prima alleati nella lotta contro il nazifascismo, e poi quasi subito rivali e nemici - è soprattutto una guerra di ideologie: da una parte il capitalismo e la democrazia, dall’altra il comunismo. Il primo episodio ripercorre gli eventi di tre decenni, dalla primavera del 1945 alla fine degli anni ’60. Una lunga carrellata, che si sofferma particolarmente sulla Germania post-bellica - e sui due stati in cui sarà divisa, ma non solo - con protagonisti come Truman e Stalin, Adenauer e Ulbricht, Kennedy e Krusciov, e le interviste a testimoni, piccoli e grandi, di quell’epoca. Passando dalla Conferenza di Potsdam al Blocco di Berlino, dalla Guerra di Corea alla costruzione del Muro di Berlino, con la Crisi dei Missili a Cuba il mondo prende consapevolezza di quanto la contrapposizione dei due blocchi possa sfociare in una guerra aperta, che la corsa agli armamenti nucleari renderebbe catastrofica. L’episodio si conclude con lo sbarco americano sulla Luna, l’evento che determina l’esito della corsa allo spazio tra Usa e Urss.

Per milioni di anni, fertili ecosistemi in Sudafrica hanno prosperato dando vita a meraviglie naturali nascoste. La serie “I tesori segreti del Sudafrica”, in onda da domani alle 14.00 su Rai5, intraprende un viaggio in sei episodi alla scoperta di questi ecosistemi e della biodiversità che nascondono. Al centro del primo episodio la catena montuosa del Drakensberg, che racchiude l'altopiano dell'Africa meridionale e che copre oltre mille chilometri di campagna sudafricana. Contiene le vette più alte a sud del Kilimangiaro e ospita molte creature, ma vivere qui non è un'impresa facile: la sua bellezza è pari solo al suo pericolo.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti