Mercoledì, 23 Giugno 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

L'ultima provocazione di Banksy, video-satira nella metro di Londra

14 Luglio 2020

L'ultima provocazione di Banksy, video-satira nella metro di Londra
SANITÀ

"If you don't mask - you don't get" (Se non ti metti la mascherina, non puoi farcela). E' la frase che lo street artist Banksy scrive su Instagram come introduzione al video satirico che lo vede entrare in una metropolitana londinese, di spalle, indossando una tuta bianca protettiva e uno zainetto munito di disinfettante a spruzzo dietro, mentre campeggia la scritta 'London Underground, undergoes deep clean ('La metro di Londra sottoposta a una pulizia profonda').

Nello stesso momento al video si sovrappone l'immagine delle mani (presumibilmente) di Banksy, munite di guanti di lattice che mettono stop al video che, da quel momento, torna in primo piano con Banksy (il cui volto è nascosto da grandi occhiali protettivi) dentro la metro che comincia a dipingere un topo che starnutisce, un topo con la mascherina che gli fa da paracadute, poi un topo con il disinfettante e poi la scritta: 'I get lockdown but I get up again' ('Posso anche stare rinchiuso, ma poi mi rialzo di nuovo'). Frase finale con cui si chiude il video mentre in sottofondo passa un noto brano del gruppo musicale britannico I Chumbawamba, dal titolo 'Tubthumping'.

Che Banksy abbia voluto dire, neanche troppo tra le righe, al governo inglese che persino i topi devono portare la mascherina in metropolitana se vogliono salvarsi? E ancora che il lockdown, deciso tardi in Inghilterra con il disappunto di tanti cittadini britannici, è una misura davvero necessaria?

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x