Martedì, 15 Giugno 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

il dj dei balconi, 'dopo emergenza porto allegria nei quartieri popolari'

15 Maggio 2020

il dj dei balconi, 'dopo emergenza porto allegria nei quartieri popolari'
[ad_1]
Il 'dj dei balconi': Dopo l'emergenza porto la musica nei quartieri popolari

(di Ilaria Floris)

"In questa fase 2 ho pensato di andare a ringraziare tutte le persone che mi hanno seguito in questa quarantena: non sono più loro che vengono sotto il mio balcone, sono io che giro tutti i quartieri per ringraziarli, gratuitamente, e per continuare a mantenere quello spirito di unità e di aggregazione che ci ha reso unici in tutto il mondo urlando il nostro desiderio di libertà dai balconi". Così Francesco Cellini, il ‘dj dei balconi’ che durante l’emergenza è diventato famoso alleggerendo con le sue dirette il ‘tempo sospeso’ di tanti italiani facendoli cantare e ballare (e finendo persino in un video degli U2 sulla pandemia), racconta all’Adnkronos il suo nuovo progetto.

Da 'Azzurro' a 'Vivo per lei', fino all'immancabile Inno di Mameli che finiva ogni 'sessione' musicale. "L'iniziativa che tanto ha avuto successo, ’Fuori come balconi’, diventa on the road -spiega- Non più le persone da me ma io in giro a ringraziarli. Uno show, un flash mob con il quale porto il teatro a domicilio, e dove le persone possono cantare stando comodamente al balcone". Prima regola, non creare assembramenti. "Comincio domani, sabato 16 maggio alle 19, dal mio quartiere, quello di Monteverde -racconta- ma le date successive le comunicherò all’ultimo per non creare folla".

"La mia idea -spiega Francesco, che di professione fa l’animatore e l’organizzatore di feste per bambini- è quella di portare un po’ di allegria e musica nei quartieri con più disagi, nei quartieri popolari. Partirò dicendo 'Mi chiamo Francesco come il Papa, e Cellini come Benvenuto Cellini, che era un po' pazzo come me. Grazie per avermi ospitato’, perché è così, sono loro ospite”.

Lo spettacolo dura appena 15 minuti, una ‘toccata e fuga’ per mantenere “quello spirito che ci ha reso unici in tutto il mondo: è un peccato che vada perso -racconta- Perché quello che mi è piaciuto di questo periodo è la creatività che ognuno di noi ha tirato fuori. Dal ballare sul terrazzo, la voglia di continuare a sorridere nonostante uno dei periodi più brutti della storia". E rivela di aver pensato ad una sorpresa per chi aderirà con maggiore entusiasmo: “Metterò online un concorso dove chiunque abbia un condominio e vuole una tappa di questo flash mob da loro, può contattare la mia associazione -svela- e il condominio che farà più ‘caciara’ in questa iniziativa, avrà in regalo una festa per bambini”.

Il dj fa dunque un appello "a Regioni, Comuni, Pro Loco e Municipi: se vogliono essere la prossima tappa, e rallegrare i loro quartieri con la musica italiana che ha fatto sognare il Paese e il mondo in questa quarantena, possono contattare la mia associazione e andrò volentieri", dice. E conclude con un sogno personale: "Il mio sogno è di partire da Roma ed arrivare in tanti quartieri di città d’Italia. Fino, magari, nella mia Toscana, e far ballare mio padre dal balcone: è quattro mesi che non lo vedo”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.


[ad_2]
Source link
Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti