Giovedì, 06 Ottobre 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Wijnaldum si presenta "La Roma mi ha fortemente voluto"

09 Agosto 2022

Wijnaldum si presenta "La Roma mi ha fortemente voluto"

"Spero che sia un matrimonio perfetto, ho trovato tifosi fantastici", dice l'olandese ROMA - All'Olimpico, a margine della presentazione della squadra, ha ricevuto il boato più forte. Georginio Wijnaldum si dice "sorpreso e stupito" dell'accoglienza dei tifosi e nel corso della conferenza stampa a Trigoria spiega i motivi del suo sì al progetto giallorosso: "Ho sentito Salah e Strootman e mi hanno parlato della città in termini entusiastici. Ho parlato anche con Hakimi che mi ha detto belle cose del club - spiega - Ho giocato col Liverpool contro la Roma e l'atmosfera fu incredibile. Sapevo che avrei giocato in uno stadio con dei tifosi fantastici. Mi sono sentito voluto fortemente dal club, questo sforzo fatto dalla società mi ha convinto". Klopp lo ha definito il "centrocampista perfetto" dopo una Champions League vinta da protagonista: "Probabilmente per il Liverpool lo ero - spiega Wijandlum -. Per un'altra squadra forse no, dipende dal modo di giocare. Sono lusingato dalle parole di Klopp. Cercherò di essere il centrocampista perfetto per la Roma". Quel che è certo è che Wijnaldum è il prototipo di giocatore che Mourinho chiedeva da tempo. "Il tipo di calcio che intende fare la Roma si addice alle mie caratteristiche e viceversa. Spero che il nostro possa essere un matrimonio perfetto", ha aggiunto. Con Mourinho è sintonia totale: "Ho parlato con lui quando le trattative erano già in una fase avanzata, quindi non mi ha dovuto convincere. Abbiamo parlato di calcio. La sua bacheca parla da sola". Capitano dell'Olanda, Wijnaldum si sofferma anche sul Mondiale: "Questa stagione sarà più difficile per via della sosta, sarà difficile progredire come squadra. Ritengo che sia sempre importante partire bene". L'accoglienza è stata speciale, a partire dallo sbarco a Ciampino, fino al test con lo Shakhtar: "Sono un tipo timido e questo calore mi ha sorpreso. Questi tifosi non smettono di stupirmi. Il giorno in cui sono arrivato in hotel, ho raggiunto la squadra a cena in un ristorante e anche loro mi hanno accolto bene. È stata una sorpresa e tutti sono stati cordiali con me. Sensazioni molto buone". Domenica c'è la Salernitana all'Arechi: "Ho lavorato duramente sia con il gruppo al Psg, sia in modo individuale. Sono preparato mentalmente per giocare, è difficile dire se potrò farlo già domenica. Sono a disposizione. Ma bisogna sentire il parere dei medici e anche quella del mister". - foto agenziafotogramma.it - . spf/ari/red 09-Ago-22 15:18

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x