Martedì, 09 Agosto 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Basket: Slovenia troppo forte per Italia, debutto amaro Pozzecco

25 Giugno 2022

Basket: Slovenia troppo forte per Italia, debutto amaro Pozzecco

Azzurri sconfitti in amichevole a Trieste per 90-71 TRIESTE - Italia in rodaggio, Slovenia al completo e vicina al top. La prima uscita di Gianmarco Pozzecco da ct azzurro è amara: all'Allianz Dome di Trieste gli azzurri cedono per 90-71 a Luka Doncic e compagni, in quella che era la prima tappa di avvicinamento verso le qualificazioni mondiali e soprattutto l'Europeo di settembre, col girone iniziale al Forum di Milano. Tanti volti nuovi nell'Italbasket, ancora a ranghi ridotti, che dopo un primo quarto tutto sommato equilibrato (23-27) paga l'accelerazione in avvio di secondo periodo degli sloveni campioni d'Europa in carica: 2-10 di parziale e prima fuga. Luka Doncic non ha ancora smaltito del tutto le tossine della logorante stagione Nba ma sono lui (12 punti) e Goran Dragic (11 punti) a prendersi comunque la scena mentre nelle fila degli azzurri impressiona l'impatto del deb Tomas Woldetensae (sarà il top scorer degli azzurri con 13 punti). A 4'35" dall'intervallo lungo l'Italia è sotto 29-41, gap che i 'veterani' Tonut, fresco di firma con Milano, Polonara (12 punti e 10 rimbalzi) e Spissu provano a ricucire ma senza successo: al riposo il tabellone indica 37-53. Più reattiva a rimbalzo e micidiale in transizione, la Slovenia continua a dettare legge anche alla ripresa, con gli azzurri che spesso vanno a sbattere contro l'ottima difesa organizzata da Sekulic. La tripla di Dragic al tramonto del terzo quarto è l'ennesima spallata che manda a fondo l'Italia nel punteggio (48-77) ma non nello spirito, con Pozzecco che dà spazio ad altri esordienti (bene anche Okeke), che con freschezza ed entusiasmo riescono a rendere meno pesante il passivo. "Sono contento che i ragazzi non abbiano mollato, hanno giocato fino in fondo - il commento del ct azzurro - Era una partita abbondamente complicata per noi sin dall'inizio visto che ci mancavano 8 giocatori, ma abbiamo avuto segnali importanti dai giovani, sono stati bravi. Affrontavamo una delle squadre più forti del mondo e più pronta di noi e siamo usciti a testa alta. Doncic? E' un ragazzo estremamente umile e in campo è mostruoso, impressiona per la fisicità e l'arroganza con cui gioca". - foto LivePhotoSport - . glb/red 25-Giu-22 22:46

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x