Mercoledì, 22 Settembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Calcio: Champions. Allegri "Buona gara,dobbiamo seguire nostro percorso"

15 Settembre 2021

Calcio: Champions. Allegri "Buona gara,dobbiamo seguire nostro percorso"

"I risultati condizionano i giudizi, bisogna mantenere l'equilibrio quando si vince e quando si perde" MALMOE (SVEZIA) (ITALPRESS) - "Quando giochi una partita di Champions c'è sempre preoccupazione, anzi attesa. Un debutto in trasferta e dopo i risultati non arrivati in campionato è ovvio che ci fosse un po' di pressione in più". Massimiliano Allegri può tirare un sospiro di sollievo dopo lo 0-0 rifilato al Malmoe nel match del debutto in Champions League. "I ragazzi hanno fatto una buona partita sul piano tecnico, anche se nel primo tempo potevamo sfruttare meglio alcune situazioni. C'è da migliorare. Il 14 luglio abbiamo cominciato un percorso e questo non cambia - ha aggiunto il tecnico della Juventus -. I risultati condizionano il giudizio, ma bisogna essere bravi a mantenere l'equilibrio, sia nelle sconfitte che nelle vittorie". Intanto la Juve è tornata a non prendere gol, cosa che non succedeva da lungo tempo: "Questo è un segnale. Ho chiesto ai ragazzi alla fine del primo tempo di finire la partita senza subire gol. Ti aiuta a non subirne nelle altre e ti toglie ansia. Era importante vincere e da giovedì pensiamo al campionato. Szczesny ha fatto una buona partita, la sua partita, pari al valore che ha. Come tutti gli altri". Allegri invece non vinceva sulla panchina della Juve da otto gare di fila: "Le ultime cinque dell'ultimo campionato e le prime tre di quest'anno. Era importante vincere perché la striscia si allungava troppo", ha detto ridendo e sul recupero del terreno perso in campionato ha risposto: "Dobbiamo darci un obiettivo che è quello della sosta che verrà a novembre e vedere a che punto saremo. Il Milan? Sta giocando bene, è tecnicamente forte e viene da un momento di grande entusiasmo. Deve essere da grande stimolo per noi". Poi sulla crescita mentale del gruppo ha concluso: "L'aspetto mentale è il 90% di tutti i lavori, nel calcio ancor di più perché quando lasci dei punti in campionato, ti fa vedere le cose in modo più negativo. Ricordo l'anno della rincorsa verso lo scudetto, a Sassuolo prendemmo gol sull'unico tiro in porta su punizione da Sansone e sbagliammo otto gol, una roba pazzesca. Poi vincemmo al ritorno quando non meritavamo di vincere. Bisogna sempre distinguere il risultato dalla prestazione". (ITALPRESS). ma/ari/red 14-Set-21 23:35

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x