Mercoledì, 19 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Earth overshoot day 2021: da oggi serve un altro pianeta per compensare i consumi

Dopo la "pausa" del 2020, i dati su cambiamenti climatici e sfruttamento delle risorse naturali tornano ad allarmare

29 Luglio 2021

Overshoot day 2021: da oggi serve un altro pianeta per compensare i consumi

Anche per il 2021 lo Earth Overshoot Day arriva in estate e con largo anticipo sulla fine dell'anno. A partire da oggi, in pratica, all'umanità servirebbe un altro pianeta per compensare i consumi in termini di risorse naturali. Accade oggi, nella giornata di giovedì 29 luglio, dopo essere stato temporaneamente spostato in avanti nel 2020 a causa della pandemia da Covid19 che aveva rallentato la produzione e i consumi.

Da questo momento fino alla fine dell'anno, l'economia globale sta operando in "deficit ecologico", come affermano gli attivisti. L'umanità attualmente utilizza il 74% in più di risorse rispetto a quelle che gli ecosistemi del pianeta possono rigenerare ogni anno, ovvero 1,7 pianeti Terra. L'Overshoot Day del 2020 che si è svolto nel corso dell'anno cruciale della pandemia, era invece slittato il 22 agosto, a seguito di un calo delle emissioni di carbonio mentre i paesi di tutto il mondo sono stati bloccati a causa della pandemia di Coronavirus.

Earth overshoot day 2021: da oggi serve un altro pianeta per compensare i consumi

Un'analisi pubblicata dalla International Energy Agency lo scorso marzo ha rilevato che, mentre le emissioni sono diminuite nel complesso nel 2020, hanno cominciato ad aumentare costantemente nel corso della seconda metà dell'anno, così come è accaduto per le economie dei paesi in ripresa dalla pandemia. A dicembre, le emissioni erano superiori del 2% rispetto allo stesso mese dell'anno precedente.

Il Global Footprint Network ha aggiunto che dal 2020 c'è stata una diminuzione dello 0,5 per cento della biodiversità forestale globale, dovuta in gran parte al picco della deforestazione della foresta pluviale amazzonica. Nel solo Brasile, nel 2020, sono andati perduti 1,1 milioni di ettari di foresta. Parti significative dell'Amazzonia hanno iniziato a emettere più anidride carbonica di quanta ne assorbono, hanno confermato gli scienziati. La foresta era stata precedentemente un pozzo di carbonio, assorbendo le emissioni che causavano la crisi climatica, ma ora sta causando la sua accelerazione, hanno affermato i ricercatori dell'Istituto nazionale per la ricerca spaziale in Brasile.

In vista della conferenza sul clima della COP26, che si terrà quest'anno a Glasgow, il consigliere del consiglio comunale della città, Susan Aitken, ha dichiarato: "L'Earth Overshoot Day è la nostra chiamata alle armi". A novembre gli occhi del mondo saranno puntati su Glasgow, ospite della COP26, il summit sul clima che deve prendere le decisioni che porteranno il nostro pianeta verso un futuro più sicuro e sostenibile. Abbiamo l'opportunità qui a Glasgow di mostrare al mondo cosa stiamo facendo, unendoci insieme come una città per mostrare un cambiamento reale, per rispondere all'emergenza climatica ed ecologica".  

L'Earth Overshoot Day è calcolato da Global Footprint Network, un'organizzazione di ricerca internazionale che osserva l'uso da parte dell'umanità di materiali naturali, nonché i danni ambientali che provocano. L'organizzazione ha anche calcolato il giorno in cui cadrebbe l'Earth Overshoot Day se tutta l'umanità consumasse come le persone dei singoli paesi. Ad esempio, se la popolazione mondiale vivesse come gli Stati Uniti, l'Overshoot Day cadrebbe il 14 marzo. Al contrario, se l'umanità vivesse come il popolo indonesiano, l'Overshoot Day sarebbe caduto poche settimane prima della fine dell'anno, il 18 dicembre.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x