Mercoledì, 19 Maggio 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

sostenibilita

Clima, Piovesan (Bei): '50% finanziamenti a clima e ambiente entro 2025'

'Bei diventa la Banca Europea per il clima, prima istituzione finanziaria allineata con accordi Parigi'

29 Aprile 2021

Clima, Piovesan (Bei): '50% finanziamenti a clima e ambiente entro 2025'

Roma, 29 apr. - (Adnkronos) - La Banca Europea degli Investimenti è "il maggior finanziatore multilaterale, abbiamo avuto un volume di finanziamenti di più di 76 miliardi nel 2020 e un terzo di questi finanziamenti è rivolto ad affrontare la crisi causata dalla pandemia. Nonostante questo forte impegno, nel 2020 il 40% dei nostri finanziamenti è stato dedicato a investimenti a favore del clima e dell'ambiente", dall'efficienza energetica alle risorse idriche, dalla decarbonizzazione alla mobilità sostenibile passando per la forestazione. "Ma Vogliamo fare di più per questo quest'anno la nostra banca ha cambiato strategia e sta diventando la Banca europea per il clima: vogliamo raggiungere entro il 2025 l'obiettivo di dedicare il 50% dei nostri finanziamenti a favore di clima e ambiente". Così Laura Piovesan, Director of Sustainability at the European Investment Bank, in occasione del webinar “Green Finance: the path towards a sustainable economy” organizzato dal Centro Studi Americani.

"Questo - continua Piovesan - comporta mobilitare mille miliardi di euro di investimenti nella decade critica 2021-2030", inoltre "ci siamo impegnati ad allineare tutti i nostri investimenti a criteri di Parigi, significa sospendere quei finanziamenti a progetti fortemente inquinanti, e dedicare quel 50% che non è 'verde' a progetti con obiettivi importanti come la ricerca scientifica e che comunque non devono nuocere al clima. Grazie a questi obiettivi, la Bei è la prima istituzione finanziaria ad essere allineata con l'accordo di Parigi".

"Siamo sempre stati in prima linea nella lotta al cambiamento climatico, sia dal punto di vista del finanziamento di progetti 'verdi' che di supporto ai green bonds. Affrontare la crisi sanitaria ora è la priorità - ricorda - ma non ci deve far deragliare da quelli che sono gli sforzi per limitare il riscaldamento globale a 1,5°C rispetto ai livelli pre-industriali. I programmi post crisi ci danno un'opportunità unica per costruire un'economia più verde", il Recovery Fund "è potenza di fuoco senza precedenti con cui l'Ue dimostra di essere in prima linea ma non può essere sola nella sfida climatica, la cooperazione internazionale è fondamentale".

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti