Domenica, 16 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Vaccino Covid, Menichetti e il coraggio di dire la verità: "Terza dose salto nel buio"

Il virologo: "Valutare monoclonali come alternativa ai vaccini, non è uguale ma molto simile"

11 Agosto 2021

Vaccino Covid, Menichetti e il coraggio di dire la verità: "Terza dose salto nel buio"

Fonte: lapresse.it

"La terza dose di vaccino anti Covid è un salto nel buio perché non si sa se usare lo stesso preparato vaccinale, e probabilmente ci sarebbe bisogno di usare un altro preparato vaccinale" con gli aggiornamenti sulle varianti, "non si sa qual è la situazione immunitaria di chi si è vaccinato e chi ha già avuto un decadimento degli anticorpi". Queste le parole, riferite in un'intervista all'Adnkronos Salute, del virologo Francesco Menichetti, primario di Malattie infettive all'ospedale di Pisa sull'ipotesi di un richiamo del vaccino per gli immunizzati.

Vaccino Covid, Menichetti: "Terza dose salto nel buio"

"Sicuramente valutare persona per persona è molto complesso - ha ammesso il medico - ma noi potremmo già orientarci per decadi perché in linea generale le decadi più elevate sono quelle più esposte a un decadimento della risposta anticorpale, quindi partire dagli ultraottantenni e campionare gli anticorpi e poi scendere agli over 70, agli over 60 con una progressività, non dimenticando i fragili".

Il virologo ha poi invitato a "pensare agli anticorpi monoclonali come alternativa al vaccino. Ci sono delle categorie affette da immunodeficienze di varia natura che ai vaccini non rispondono e hanno bisogno di protezione". I monoclonali, spiega, "sono anticorpi che non devi produrre ma sono già belli e prodotti, sono protettivi, durano mesi, hanno uno spettro di attività molto ampio che include le varianti e quindi sono un'alternativa al vaccino o un'integrazione del vaccino molto, molto interessante".

"L'unico problema - conclude  - è la loro validazione clinica e il costo ma dove riuscissimo a contenerne il costo sarebbe un preparato a intramuscolo facile da somministrare, quasi domiciliare, quindi sarebbe davvero importante poterne disporre. Così come importante sarebbe disporre di uno o più farmaci antivirali orali. Per i refrattari al vaccino bisogna dire che ci sono anche queste possibili alternative. Perché non dirlo? Non saremmo equilibrati nel nostro giudizio. Non ti vuoi proprio vaccinare? Fatti i monoclonali, sono anticorpi, è come fare le immunoglobuline per il tetano, non è uguale ma molto simile".

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x