Venerdì, 30 Luglio 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

In Emilia Romagna al via la campagna "HIV, parliamone"

22 Luglio 2021

In Emilia Romagna al via la campagna "HIV, parliamone"

BOLOGNA (ITALPRESS) - Sei piccole clip per riflettere, in modo garbato e ironico, su un tema difficile e complesso come l'Hiv/Aids, che porta ancora con se' paura, stereotipi e pregiudizi. E' il filo conduttore di "HIV, parliamone", la nuova campagna di sensibilizzazione proposta e sviluppata da HelpAids (www.helpaids.it), portale dedicato del Servizio sanitario regionale dell'Emilia Romagna, a partire da un progetto promosso dal Comune e dalle Aziende (Usl e ospedaliero-universitaria) di Parma, in collaborazione con associazioni del territorio. Un'occasione importante per una realta' come l'Emilia-Romagna che, nell'arco dell'ultimo decennio, ha visto quasi dimezzate le nuove diagnosi, ma dove resta pero' purtroppo ancora alto il numero di chi arriva a un riconoscimento tardivo. "Ogni anno, in Emilia-Romagna, assistiamo a un calo del numero di nuove diagnosi di Hiv, e questo ci fa ben sperare- commenta Raffaele Donini, assessore regionale alle Politiche per la salute-. Ma il cammino e' ancora lungo, occorre tenere alta la guardia: piu' della meta' delle persone scopre di aver contratto il virus solo quando e' gia' troppo tardi. Cio' accade purtroppo anche perche' dell'Hiv si parla ancora troppo poco e in modo non sempre adeguato: c'e' ancora paura, insieme a stereotipi molto resistenti. L'obiettivo di questa campagna- conclude l'assessore- e' contrastare ulteriormente la disinformazione su rischi, prevenzione e possibilita' di diagnosi precoce e cure: un'occasione in piu', dunque, per parlare di questi temi con tutti, a partire soprattutto dai canali social". In Emilia-Romagna sono sempre meno le persone che contraggono l'infezione da Hiv: i nuovi casi nel 2019 sono stati 209, rispetto ai 220 dell'anno precedente. Ma resta purtroppo ancora alto il numero di chi arriva a una diagnosi tardiva: e' successo nel 58% dei casi, e il 43% delle persone era gia' in Aids, o in una fase molto avanzata dell'infezione, al momento della diagnosi. Un problema dovuto principalmente a una errata bassa percezione del rischio in alcune fasce della popolazione. Nel complesso, su tutto il territorio regionale, nell'arco di dieci anni (dal 2010 al 2019), le nuove diagnosi tra i cittadini residenti sono quasi dimezzate, passando da 388 a 209 e arrivando, quindi, un -46%. Calo che si e' fatto ancor piu' rilevante negli ultimi anni, considerando che nel 2015 i nuovi casi erano 291, scesi a 285 nel 2016, 220 nel 2018 e arrivati, appunto, a 209 (165 uomini e 44 donne) nel 2019, con un'incidenza del 4,7 ogni 100mila abitanti. A disposizione per ogni eventualita' c'e' il numero verde regionale, 800.856.080: gli operatori sanitari rispondono dal lunedi' al venerdi', dalle ore 14 alle 18; il lunedi' anche dalle 9 alle 12. (ITALPRESS). mgg/com 22-Lug-21 16:12

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x