Martedì, 03 Agosto 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Vaccino Covid, Sileri: "I giovani non lo fanno perché ascoltano scienziati sbagliati"

Il sottosegretario alla Salute: "Raggiunto il target del 50% della popolazione vaccinata ma non è ancora sufficiente"

20 Luglio 2021

Vaccino Covid, Sileri: "I giovani non lo fanno perché ascoltano scienziati sbagliati"

Fonte: lapresse.it

Sul vaccino Covid in Italia, "abbiamo raggiunto il target del 50% della popolazione vaccinata ma non è ancora sufficiente", ha detto il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri. "Abbiamo in tutte le fasce d'età persone che non si sono vaccinate mentre i giovani che vogliono, giustamente, viaggiare devono vaccinarsi. Poi ci sono resistenze, comprensibili, nella fascia tardo adolescenziale legate anche a certa disinformazione nei confronti dei vaccini di sedicenti scienziati e 'candidati' premi Nobel".

Vaccino Covid, Sileri: "I giovani non lo fanno perché ascoltano scienziati sbagliati"

"I bambini, gli anziani e le donne - ha continuato Sileri - hanno pagato il prezzo più alto della pandemia". E ancora: "Gli anziani hanno pagato il prezzo più alto in vite umane, le donne con lo smart-working hanno dovuto far fronte anche al fatto di avere i figli piccoli a casa e i bambini non hanno avuto visite, non hanno visto gli amichetti ma solo persone con la mascherina e non hanno socializzato".

Intanto si segnala la proposta estrema di Mauro Minelli. "Chi decide di non sottoporsi al vaccino anti-Covid dovrà sostenere personalmente le spese sanitarie in caso di contrazione del virus", ha detto. I non vaccinati si paghino le spese sanitarie in caso di ricovero - ha dichiarato Minelli ad Adnkronos Salute - oppure rifondino i danni che possono derivare dai contagi da loro certamente provocati".

La proposta choc di Minelli fa riferimento a chi sceglie deliberatamente di non vaccinarsi, ed è rivolta dunque ai cosiddetti "no vax" e non invece a chi ancora fosse in attesa di una dose di vaccino anti-Covid. L'immunologo inveisce contro coloro che "non hanno alcuna legittima controindicazione all'inoculo del vaccino" e che con la loro decisione mettono a repentaglio la salute di altri cittadini. Secondo Minelli, chi rientra in questa categoria: "dovrebbe essere obbligato a pagarsi le visite, i ricoveri e i farmaci in caso di Covid o, almeno, di rifondere i danni, calcolati nel loro insieme, che possono derivare dai contagi da loro certamente provocati". Un risarcimento pratico, oltre che morale, nei confronti di chi da oltre un anno e mezzo attende con impazienza l'iniezione "della salvezza" per uscire dall'incubo Covid.

 

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x